Le mie mani per darTi una mano

116

ifather400posterUN PICCOLO GIOIELLO FILMOGRAFICO DA CONDIVIDERE E FAR CIRCOLARE è il cortometraggio vincitore del concorso “i-Father – Short Film Award 2012”.
Viene presentato il tema: “La missione del prete, cogli l’attimo”. 
Tutto registrato con un iPhone.

Nei vangeli gli atti di grazia di Gesù non avvengono soltanto con le parole ma anche attraverso un “contatto” diretto con le povertà dell’uomo: la malattia della suocera di Pietro (Mt 8,15), gli occhi dei ciechi (Mt 20,34; Gv 9,6), le orecchie e bocca dei sordomuti (Mc 7,33), i lebbrosi (Mc 4,1; Mt 8,3; Lc 5,13), la resurrezione della figlia di Giairo (Mc 5,41). Questo “toccare” fa si che le mani diventino protagoniste di questo corto.
Da esse emergono scene di vita quotidiana le quali rivelano che il prete, come Gesù, è una presenza di Dio nell’umanità.
Questo verrà evidenziato dall’incrocio di immagini di mani riconducibili alla vita di Gesù e alla vita del prete, come: assolvere, accogliere, benedire, consacrare, consolare, donare, guarire, lavorare, pregare ed anche giocare.
Tutti questi attimi, sono riassunti nella visione finale del prete come: mani presenza dell’Uomo.

Mercoledì 20 novembre, in occasione della conferenza stampa del XVII Tertio Millennio Film Fest sono stati presentati i cortometraggi vincitori del concorso “i-father – Short Film Award” 2012, concorso promosso sempre dalla Fondazione Ente dello Spettacolo in collaborazione con il Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica e ispirato al tema La missione del prete, cogli l’attimo.

Per introdurre l’evento era presente anche il presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, mons. Claudio Maria Celli, che così si è espresso riguardo all’importanza delle arti cinematografiche: “Spero che il cinema ancora una volta sappia andare incontro all’uomo, calarsi nella sua realtà di oggi”, ma anche avere “la capacità di farci sognare e sperare”.

I vincitori dell’edizione di i-father 2012 sono stati don Andrea Piccolo, don Rosario Rosarno, don Fabio Menicagli e don Raffaele Brusco (autori di Le mie mani per darTi una mano) e Andrea Cannizzo (regista di Skate for God) che hanno presentato in anteprima i loro lavori realizzati utilizzando esclusivamente un iPhone.

Articolo precedenteEl Libro Gregoriano Silos
Articolo successivoCome vivere l’Eucarestia?