[FILM] Mission: Impossible – Rogue Nation (con Valutazione Pastorale)

38

MISSION IMPOSSIBLE - ROGUE NATIONL’agente Ethan Hunt e la sua squadra si trovano coinvolti in una missione veramente complicata: scoprire chi tira le fila del Sindacato, organizzazione criminale che vuole distruggere la MFI e creare un nuovo ordine mondiale, dando vita a un numero crescente di attacchi terroristici. Passando attraverso situazioni di pericolo estremo, Hunt crede di trovare un’alleata nell’ex agente britannico Ilsa Faust. Ma equivoci e colpi di scena arrivano senza preavviso.

[ads2]Valutazione Pastorale: Era cominciata nel 1996 con “Mission : impossible” diretto da Brian De Palma. Sono quindi seguiti tre capitoli (Mission: impossible 2, 2000; Mission: impossibile III, 2006; Mission: impossible – Protocollo fantasma, 2012 e, quinto ma forse non ultimo, questo di ora, Mission: impossible – Rogue Nation, 2015). A caratterizzare la serie c’è l’essere firmati da cinque registi differenti: dopo De Palma, ecco John Woo, J.J. Abrahams, Brad Bird, McQuarrie. Tenendo come punto di riferimento la serie tv originaria, il nuovo arrivato sa che per lo sterminato pubblico sparso nel mondo quella che conta è la presenza di Tom Cruise: che deve farsi vedere aitante, dinamico, motivato, conciliante ma non remissivo, uno che sa di avere fascino ma non ne fa un’arma impropria, impugna gli ideali e ricorre al doppio gioco per far trionfare quelli giusti. A quasi venti anni dall’esordio, Ethan Hunt è personaggio entrato nell’immaginario popolare, coraggioso e spericolato, ma non spaccone né sbruffone. Un uomo che indossa tante maschere, rischia dentro scenari mirabolanti, lascia col fiato sospeso ma non tradisce né chiede riscontri. Accanto ad un Cruise certamente in bella forma, conta non poco il copione scritto dallo stesso McQuarrie: che con incalzante dinamicità riesce a districarsi nei meandri di una moderna spy story nella quale poteri scoperti e poteri occulti si affrontano a briglia sciolta creando ritmi altri e sicura suspence. Prodotto di ottima confezione commerciale che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile e nell’insieme semplice.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni come proposta coinvolgente e altamente spettacolare.

  • Genere:Azione
  • Regia: Christopher McQuarrie
  • Interpreti: Tom Cruise (Ethan Hunt), Jeremy Renner (William Brandt), Simon Pegg (Benji Dunn), Ving Rhames (Luther Stickell), Rebecca Ferguson (Ilsa Faust), Sean Harris (Solmon Lane), Alec Baldwin (Alan Hunley, direttore CIA), Katrina Vasilieva (agente Doran), Andrew Zographos (Stephen Adams).
  • Nazionalità: Stati Uniti
  • Distribuzione: Universal Pictures International Italia
  • Anno di uscita: 2015
  • Origine: Stati Uniti (2015)
  • Soggetto: Bruce Geller (serie TV), Drew Pearce
  • Sceneggiatura: Christopher McQuarrie
  • Fotografia (Scope/a colori): Robert Elswit
  • Musiche: Joe Kraemer
  • Montagg.: Eddie Hamilton
  • Durata: 130′
  • Produzione: Tom Cruise, J.J. Abrams, Bryan Burk, David Ellison, Dana Goldberg, Don Granger.
  • Giudizio: Consigliabile/semplice *
  • Tematiche: Cinema nel cinema; Spy-story.
Articolo precedenteCommento al Vangelo del 30 agosto 2015 – Movimento Apostolico
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 30 agosto 2015 – don Fabio Rosini