Commento al Vangelo di domenica 3 maggio 2009

4

Gv 10,11-18 Io sono il buon Pastore

Buon pastoreLa Chiesa dedica questa domenica, chiamata del Buon Pastore, alla preghiera e alla riflessione per le vocazioni sacerdotali e religiose. Al centro della liturgia della Parola c’è l’appassionato discorso ove Gesù, in piena polemica con la classe dirigente d’Israele, si presenta come il “buon pastore”, ossia come colui che raccoglie e guida le pecore sino ad offrire la sua stessa vita per la loro salvezza. E aggiunge: “chi non offre la vita per le pecore non è pastore bensì mercenario”. In effetti, l’opposizione tra il pastore e il mercenario nasce proprio da questa motivazione: il pastore svolge la sua opera per amore, rinunciando al proprio interesse anche a costo della vita, mentre il mercenario agisce per interesse personale e per denaro, ed è quindi logico che nel momento del pericolo abbandoni le pecore al loro destino. L’evangelista, per indicare il pericolo, usa l’immagine del lupo che “rapisce e disperde” le pecore. È una sferzata durissima ai farisei, accusati di “pascere se stessi… e non il gregge” (Ez 34, 2), mentre egli è venuto per “raccogliere in unità i figli dispersi” (Gv 11, 52)… (leggi tutto il commento sul sito della Comunità cattolica italiana in Ungheria)

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=1CspFofZs44&feature=player_embedded[/youtube]

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.