Gv 3, 7-15

68

- Pubblicità -

Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo.

7Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall’alto. 8Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito”. 9Gli replicò Nicodèmo: “Come può accadere questo?”. 10Gli rispose Gesù: “Tu sei maestro d’Israele e non conosci queste cose? 11In verità, in verità io ti dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. 12Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? 13Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. 14E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, 15perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.

LEGGI TUTTI I COMMENTI AL VANGELO DI QUESTO BRANO

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2022
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 26 Aprile 2022