Vangelo del Giorno – 17 Maggio 2020 – don Luigi Epicoco

68

“Non vi lascerò orfani”: la promessa di Gesù squarcia la solitudine che tante volte sperimentiamo. Distrugge quelle disperazioni che non ci fanno vedere più nulla. Dissipa quelle emozioni forti che oscurano il cielo sopra la nostra testa quando il mondo non gira per il verso giusto. Ma questa promessa ha una modalità di accadere.

Essa accade attraverso e per opera dello Spirito Santo, il grande nascosto/presente, Colui che notte e giorno, in maniera sotterranea scava in noi e negli eventi della nostra vita, vie di luce, di libertà, di verità. Lo Spirito Santo è come l’aria per la musica: attraverso di essa i suoni ci giungono e ci riempiono di diletto, di gioia. Senza questo invisibile ponte, la musica sarebbe una bellezza muta, chiusa in se stessa. Lo Spirito Santo è quest’aria trasparente che apre i passaggi al dito di Dio, essendo quest’aria stessa Dio.

E il nome altro per chiamarlo è Paraclito, cioè avvocato difensore. E ci difende da chi e da cosa? Dal male innanzitutto, ma anche da noi stessi, dalle nostre cadute, dalle nostre chiusure, dai nostri balordi tentativi di autosufficienza. Come se essere liberi significhi essere soli.

“Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui”. Lo Spirito è tutta questa sovrabbondanza di Amore che sgorga e rifluisce dal Padre al Figlio, e dal Figlio a noi…Anche se questa Verità possiamo solo sperare di viverla più che capirla fino in fondo.
Oggi, Gesù ci dice che la Sua presenza non diventerà mai assenza per chi lo segue, cambierà solo modalità, e questa modalità è lo Spirito Santo.

don Luigi Epicoco

Commento del 21 maggio 2017

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 17 Maggio 2020 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivodon Gio Bianco – Commento al Vangelo del 17 Maggio 2020