Rossella Barzotti – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022

198

- Pubblicità -

Il tempo del vino nuovo

Abbracciare il principio di realtà, è ciò che è necessario all’uomo per poter entrare sulla scena dell’esistenza. Il bambino impara a vivere quando incontra e si scontra con la realtà fuori da sé, un po’ quello che viene proposto dall’evangelista Giovanni che ci porta dentro un cambiamento necessario all’uomo per vivere l’evento reale dell’incontro con Gesù.

Il cambiamento è parte dell’umano, appartiene alla trama di cui siamo fatti, ma ogni cambiamento per compiersi necessita di un tempo. Non è più il tempo dell’acqua, è giunto il tempo del vino. Maria intuisce che è giunto il momento di un cambiamento sia per l’umanità e sia per il figlio e si preoccupa che ciò si concretizzi. Gesù, Maria e i discepoli partecipano tutti alla festa della vita, gustando a pieno la gioiosità del vivere umano ma la madre di Gesù osserva che qualcosa è accaduto, si può festeggiare l’amore senza un buon vino?

Come si può mantenere un cuore desiderante di amore in una intera vita? Maria, interviene a gamba tesa nella realtà, segnala la concreta difficoltà che qualcosa è successo! Maria sembra accorgersi di una incertezza nella lettura del reale da parte del figlio e lo richiama ad entrare nella concretezza dell’accaduto. Maria sospinge il figlio ad affrontare le sue apparenti esitazioni e a farsi carico del reale che sta vivendo. […]

CONTINUA A LEGGERE IL COMMENTO DI ROSSELLA BARZOTTI SULL’OSSEVATORE ROMANO


Articolo precedentedon Pietro Giassi – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022
Articolo successivoPablo M. Edo – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022