Rev. P. Anastasio URQUIZA Fernández MCIU – Commento al Vangelo del 8 Novembre 2020

80

Oggi, siamo invitati a riflettere sullo scopo dell’esistenza; si tratta di una avvertenza del Buon Dio circa il nostro fine ultimo; non giochiamo con la vita! «Il regno dei cieli è simile a dieci vergini che, prese le loro lampade, uscirono incontro allo sposo» (Mt 25,1).

La fine di ogni persona dipenderà dalla strada scelta; la morte è conseguenza della vita –stolta o saggia- dal nostro comportamento in questo mondo. Ragazze stolte sono quelle che hanno ascoltato il messaggio di Gesù, ma non lo hanno messo in pratica. Ragazze sagge sono quelle che lo hanno tradotto in vita, e per questo entrano a far parte del banchetto del Regno.

La parabola è un richiamo serio «Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora» (Mt 25,13). Non lasciate che si spenga mai la luce della fede, perché qualsiasi momento può essere l’ultimo momento. Il Regno è già qui.

Accendete le lampade con l’olio della fede, della fraternità e della reciproca carità. I nostri cuori, pieni di luce, ci permetteranno vivere la autentica gioia, qui e adesso. Coloro i quali vivono attorno a noi si vedranno, anch’essi, illuminati e conosceranno la gioia della presenza dello Sposo atteso. Gesù ci chiede di non far mancare mai l’olio nelle nostre lampade.

Per questo, quando il Concilio Vaticano II, che sceglie nella Bibbia le immagini raffiguranti la Chiesa, si riferisce a questa comparazione dello sposo e della sposa, e pronuncia queste parole: «La Chiesa viene pure descritta come l’immacolata sposa dell’Agnello immacolato, sposa che Cristo «ha amato… e per essa ha dato se stesso, al fine di santificarla», che si è associata con patto indissolubile ed incessantemente «nutre e cura», che dopo averla purificata, volle a sé congiunta e soggetta nell’amore e nella fedeltà» (cf. LG 6).

Rev. P. Anastasio URQUIZA Fernández MCIU (Monterrey, Messico) – Fonte