Sr. Mariangela Tassielli – Commento al Vangelo di domenica 23 Gennaio 2022 per bambini/ragazzi

301

- Pubblicità -

A te, Teofilo

«Ho deciso di fare ricerche accurate e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teofilo», così scrive Luca iniziando il suo Vangelo. E Teofilo, per la solidità della cui fede Luca scrive, potrebbe sì essere il nome proprio di colui al quale l’evangelista storicamente si sta rivolgendo, ma potrebbe essere anche un attributo. Luca potrebbe semplicemente scrivere a noi, a tutti noi, a chi si avvicina alla Parola solo perché ama Dio. È per costoro che Luca scrive, perché ogni teofilo possa scoprire nella Parola il fondamento e la solidità della sua fede: possa scoprire Gesù di Nazaret. Già… scoprire.

- Pubblicità -

Oggi c’è da perdersi tra le righe di questo brano evangelico. Per noi, la descrizione esatta della sua missione, del senso stesso della sua venuta, della sua incarnazione. Gesù di Nazaret, Colui che è il compimento delle promesse, Colui che è il compiersi storico della Parola, è dalla Parola che viene rivelato, dalla parola di Isaia.

Colui che seguiamo, Colui in cui crediamo, Colui per cui diamo la vita è nato tra noi, ha vissuto tra noi, è morto come noi ed è risorto tra noi perché ci fosse chiaro che nuova Vita e nuovo Spirito avrebbero attraversato anche la nostra vita, la storia dei popoli, gli eventi.

Lui tra noi è stato liberatore. Non ha usato il nome di Dio. Non ha urlato l’ira di Dio. Non ha alzato il braccio potente dell’Altissimo. Non ha spezzato alcuna canna incrinata.

La sua voce è stata annuncio di liberazione per prigionieri e oppressi. La sua mano ha ricondotto alla luce chi era nel buio. La sua parola ha ridato vita a chi aveva conosciuto la morte.

- Pubblicità -

Chi lo ha conosciuto non ha visto aumentare nella sua vita sensi di colpa e frustrazione, ma ho toccato il cielo con un dito, anzi in cielo ci è entrato con entrambi i piedi.

Questo è il Vangelo: annuncio di una gioia possibile, vera, qui e ora, in nome della quale dare la vita. Come Gesù di Nazaret, con Gesù di Nazaret.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Rendici Vangelo, Signore

Signore Gesù,
nella tua vita, nei tuoi gesti
e nelle tue parole vediamo
la realizzazione piena di quanto
i profeti hanno annunciato:
liberazione, luce, vita, grazia.
È questo ciò che riempie la vita
di chi ama Dio.
È questo ciò che semina chi ama Dio.

Rendici capaci del tuo Vangelo, Signore;
rendici capaci di un annuncio di gioia,
di una felicità possibile,
in cui credere e per cui spendersi.
Rendici ogni giorno Vangelo.
Amen.

FONTE – Sr. Mariangela, sul sito cantalavita.comCANALE YOUTUBEPAGINA FACEBOOK

Articolo precedenteIncontro di formazione a Roma: Il giornalismo e la comunicazione digitale post Covid
Articolo successivoEsegesi e meditazione alle letture di domenica 23 Gennaio 2022 – don Jesús GARCÍA Manuel