Sr. Mariangela Tassielli – Commento al Vangelo di domenica 12 Dicembre 2021 per bambini/ragazzi

149

Che cosa fare?

«Che cosa dobbiamo fare?». Nel brano che oggi la liturgia ci propone, questa domanda si ripete per ben tre volte. Le folle, i pubblicani e alcuni soldati lo chiedono a Giovanni. E lo chiedono in risposta a quanto avevamo già ascoltato nella domenica precedente: Giovanni chiede a chi va da lui per battezzarsi «frutti buoni», «frutti degni di conversione», opere buone cioè che siano visibilità, manifestazione di un cammino interiore, di una apertura radicale a colui che ci chiama e ci viene incontro.

Aggiunge l’evangelista Luca, «il popolo era in attesa e tutti si domandavano se non fosse lui [Giovanni] il Cristo».
Oggi dobbiamo fare un esercizio di collegamento: dobbiamo legare due elementi importanti presenti in questa pagina evangelica.

La domanda che riecheggia nel cuore di tutti, quel «Che cosa dobbiamo fare?», e l’attesa, quella condizione cioè di instabilità e allo stesso tempo di apertura. Perché chi attende si apre spontaneamente. Chi attende è proteso verso un arrivo, aperto a un incontro, disposto a una novità. Ed è proprio questa radicale disposizione interiore a consentire la domanda. E solo il coraggio di porre la domanda fa sì che ci si apra a un possibile cambiamento.

Chi non attende non spera.

Chi non attende non è disposto a incontrare.
Chi non attende preferisce le più riposanti risposte alle inquiete domande.
Chi attende corre il rischio dell’incontro.
Chi attende preferisce la speranza alla visione.
Chi attende chiede a se stesso, ogni giorno, un passo in avanti, uno sguardo più aperto, una scelta più determinata.
L’invito di questa terza domenica di Avvento, domenica della gioia, lo possiamo sintetizzare in una sola parola. Mi direte: gioire. E invece vi chiedo di andare ancora più a monte. Per me oggi la parola chiave è: attendere, «non lasciarsi cadere le braccia», direbbe il profeta Sofonia, non arrendersi, non lasciarsi abitare dall’angoscia, non puntare sulle proprie forze e risorse. Oggi c’è un di più che vuole raggiungerci, abitare in noi, trasformarci. C’è un Salvatore che vuole fare di noi la sua casa.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Vieni, Dio in mezzo a noi!

Vieni, Signore Gesù, Dio con noi,
Dio in mezzo a noi.
Aprici a te, liberaci da noi stessi
e dai timori che intorpidiscono il nostro cuore
e fanno tentennare i nostri passi.
Aprici alla tua presenza
per riconoscerti negli sprazzi di vita
che si fanno largo
tra le preoccupazioni quotidiane.
Insegnaci ad attendere con determinazione,
confidando in te e affidandoci a te.

Vieni, Signore Gesù, maranathà!

FONTE – Sr. Mariangela, sul sito cantalavita.comCANALE YOUTUBEPAGINA FACEBOOK

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 11 Dicembre 2021
Articolo successivoCatechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 12 Dicembre 2021 per bambini e ragazzi