Sr. Mariangela Tassielli – Commento al Vangelo di domenica 1 Novembre 2020 per bambini/ragazzi

130

Spesso e volentieri pensiamo ai Santi come a fratelli e sorelle che godono la pienezza della felicità perché sono totalmente in Dio. A loro associamo in modo abbastanza assoluto il brano delle Beatitudini e vediamo nella loro eternità il compimento di una gioia che qui in terra aveva per lo più il gusto della sofferenza, della rinuncia, della lotta, anche interiore.

Ma davvero la santità è questo: rinuncia e sacrificio sulla terra per godere la beatitudine in cielo?
E se quel “Beati” ripetuto per ben nove volte volesse indicarci qualcosa in più?
Dobbiamo ammettere che le Beatitudini propongono uno stile di vita asciutto. Tratteggiano il volto di chi sa mettersi da parte a favore di altri, del bene comune, della giustizia; di chi è talmente vuoto di sé da diventare trasparenza del Bene. Questo però dice rinuncia, sacrificio, lotta, a volte divari anche incolmabili tra le logiche di un mondo che ci fa crescere nutrendoci di sospetto, sfiducia, ricerca di sicurezze e logiche di un Dio che ci nutre di dono, affidamento, abbandono in lui.

E allora come intravedere prospettive di felicità possibili già qui e ora?
Le beatitudini vengono introdotte da pochi versetti in cui leggiamo letteralmente: Gesù, avendo aperto la bocca, insegnava loro.
Ecco allora, in che modo diventa possibile una gioia già qui: restando bocca a bocca con Dio. Lui è disposto a nutrirci, ma non con virgole o etimologia, ci nutre di sé, parola fatta corpo, corpo fatto incontro, carne fatta dono. La gioia è possibile qui e ora se ciò di cui ci nutriamo è Dio, se è lui a riempire ogni cellula della nostra esistenza. Se è lui la motivazione delle nostre scelte, il perché di ogni nostra parola e gesto.

Santità non significa staccarci dalla terra, ma rendere la terra lo spazio dei figli di Dio, abitato da pace, giustizia, mitezza, condivisione, semplicità, luce. In una parola: felicità per tutti.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Sarà gioia, sarà santità!

Signore Gesù,
insegna al nostro cuore
a puntare verso il cielo.
Fai sentire ai nostri desideri
il sapore dell’eternità.
Indica ai nostri pensieri le vie della vita
che Dio stesso ha tracciato.

E così sarà gioia già qui e ora.
Così sarà beatitudine in atto
anche nel nostro vivere.
E così sarà santità.

Signore, tutto ciò che viviamo ogni giorno
possa essere impastato di cielo,
perché scintille di cielo brillino
e illuminino la terra. Amen.

FONTE – Sr. Mariangela, sul sito cantalavita.com


AUTORE: Sr. Mariangela Tassielli
FONTE: Cantalavita
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER