Missio Ragazzi – Commento alle letture di domenica 23 Gennaio 2022 per giovani

258

- Pubblicità -

La domenica della Parola di Dio ci pone alcune domande: Tu, ragazzo cristiano, come ascolti? Come consideri il vangelo? Cosa pensi possa far crescere la tua fiducia in Gesù? Ciascuno provi a rispondere e a considerare quanto tempo dedica alla conoscenza di Dio nella Sua Scrittura, tramandata dalla Chiesa, cioè da cristiani di ogni tempo, in ogni luogo della terra.

Oggi la liturgia ci fa riprendere a leggere il vangelo secondo Luca dal suo inizio, scoprendo come Gesù imposta il suo itinerario di Maestro, in quella terra che è anche la nostra. L’evangelista Luca è un bravissimo narratore, ha appreso l’arte dell’ascolto da un grande missionario, qual è stato S. Paolo. Ha fatto una ricerca accurata, è andato a informarsi da quelli che avevano conosciuto Gesù e ne ricordavano le parole, poi ha letto quel poco che altri avevano già scritto su Gesù ed ora scrive a noi.

- Pubblicità -

Scrive di quel giorno a Nazareth, quando Gesù, nella sinagoga, legge la Scrittura e annuncia che la parola dei grandi profeti (come Isaia, Ezechiele e Geremia) si realizza, si compie. Crediamo anche noi che senza la Parola di Dio non potremmo dirci cristiani, perché non sapremmo come parlare di Dio, come vivere da discepoli di Gesù.

Alcuni dicono del proprio animale: “gli manca solo la parola”! Eppure, se ad un essere vivente manca la parola manca quasi tutto, gli manca la capacità di comunicare il pensiero, i sentimenti… la Parola di Dio non è “qualcosa”, ma è una Persona, è Gesù che si comunica, che si fa conoscere e ci mostra Dio Padre. La Parola poi ha una sua efficacia, cioè si concretizza in noi, specie se siamo disponibili ad accoglierla e a viverla!

Quando ci è stato detto “Io ti battezzo…” siamo diventati figli di Dio, quando ci è stato detto “Ti sono perdonati i peccati” la nostra vita è stata liberata dal male che ci rendeva tristi… la Parola di Dio è luce e forza, è l’alimento più necessario per i cristiani… non potremo dirci amati se non dopo aver ascoltato la lettera d’amore che Dio ha scritto per noi, cioè la Sua Parola.

Commento a cura di don Valerio Bersano – Segretario Nazionale Missio Ragazzi

- Pubblicità -

FONTE: Missio Italia

Scarica il disegno da colorare

Articolo precedenteFabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 18 Gennaio 2022
Articolo successivodon Andrea Vena – Commento al Vangelo di domenica 23 Gennaio 2022