Missio Ragazzi – Commento al Vangelo di domenica 6 Marzo 2022 per ragazzi

230

- Pubblicità -

Inizia il tempo di Quaresima e anche Gesù è all’inizio della sua vita pubblica, con una certezza: lui è figlio di Dio, quel figlio in cui il Padre ha posto il suo compiacimento. Ora nel deserto questa figliolanza viene messa in dubbio: ma davvero sei suo figlio? Se sei figlio di Dio, trasforma questa pietra in pane, dai!

Il vangelo ci dice che Gesù è pieno di Spirito Santo ed è per questo che può lottare contro il male. Il volto di Dio che propone il diavolo a Gesù, forse è il volto di Dio che tanti sognano, che a volte anche io sogno! La fame nel mondo? Ma se Dio esiste, perché non trasforma le pietre in pane? Tanti bambini non morirebbero!!!

- Pubblicità -

Inoltre, il diavolo dice a Gesù di trasformare una pietra soltanto; certo Gesù è da solo e un pane per lui basterebbe, ma perché un pane soltanto? Perché – per il tentatore – ‘gli altri’ non contano. Dal deserto Gesù esce con questa convinzione: che non la solitudine, ma la comunione è indispensabile per affrontare qualsiasi tentazione. Quando poi Gesù vivrà l’ultima cena con i suoi discepoli, quel pane nelle sue mani diventerà segno della sua presenza.

Gesù ne’ qui ne’ mai vorrà trasformare le pietre, ma trasformare noi, con il suo esempio, in fratelli, perché questo è l’essenziale della vita cristiana. Quindi non avere pane solo per noi, come suggerisce il diavolo, ma lasciarsi mangiare come se fossimo pane, il pane della fraternità.

Commento a cura di don Valerio Bersano – Segretario Nazionale Missio Ragazzi

- Pubblicità -

FONTE: Missio Italia

Scarica il disegno da colorare

Articolo precedenteLc 4, 1-13
Articolo successivop. Maurizio de Sanctis – Commento al Vangelo del 2 Marzo 2022