Cristina Pettinari – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2021 per bambini

125

AUTORE: Cristina Pettinari
FONTE: Omelie.org
SITO WEB: https://www.omelie.org


Cari bambini e ragazzi, ben trovati!
Finalmente la scuola è finita e anche il covid, anche se lentamente, sta mollando la sua morsa in quasi tutta Italia. Sembra che possiamo tornare a vivere la vita come un tempo…
ma mi auguro che non sia così!

Questi ultimi due anni sono stati difficili per tutti: la salute e la vita nostre e dei nostri cari in pericolo; l’interruzione del lavoro per ristoratori e commercianti; le difficoltà che la dad ha portato con sé; la nostalgia di amici e parenti.
Se però, una volta aver superato un tempo così difficile, tornassimo a vivere la vita come se nulla fosse mai accaduto, allora queste sofferenze non avrebbero senso.

Il problema sta proprio nel come, nel modo, in cui viviamo le difficoltà. Se essere cristiani comportasse una vita perfetta, tutti lo sarebbero e allora verrebbe a mancare la libertà di scelta. Perciò il cristiano non è colui che è sempre felice e al quale va sempre tutto bene. Il cristiano si arrabbia, piange, si dispera esattamente come tutti gli esseri umani. Il cristiano però piange, si arrabbia e si dispera in un modo diverso. Lui sa che tutto ha un senso e tutto è per vivere la resurrezione di Cristo.

Le letture di questa domenica sono una sorta di manuale di comportamento nelle difficoltà. Quando c’è qualcosa che non va, giustamente, ci ribelliamo e ci arrabbiamo. Se mi sto recando allo stadio per vedere una partita degli Europei, ma il traffico mi fa tardare, mi arrabbio anche se vado tutte le settimane a messa!

Nella Prima Lettura si parla proprio di questo: della pretesa dell’essere umano di gestire le cose meglio di come lo fa Dio. Giobbe è una persona fedele a Dio, che ha insegnato la fede ebraica ai suoi figli, un uomo buono anche con i suoi servi. Un uomo che si potrebbe definire santo. Allora il Diavolo propone una specie di scommessa a Dio: Gli chiede il permesso di mandargli un po’ di disgrazie per vedere se, anche nella prova, Giobbe rimane così mite. Dio, certo della fede dell’uomo accetta (purché Giobbe non muoia!).

Il Diavolo si mette subito all’opera, mandandogli malattie, difficoltà economiche e quant’altro. A un certo punto Giobbe si arrabbia con Dio perché lui è un uomo giusto e non si merita tutte quelle sofferenze. Giobbe ragiona come un uomo, ma ancor di più, cerca di rinchiudere nella sua piccola logica umana il progetto infinito di Dio. La Prima Lettura si collega al Vangelo attraverso il tema del mare: Dio dice a Giobbe che lui non può comprendere i piani dell’Altissimo perché la Sua logica è infinitamente più grande che di quella dell’uomo. Infatti: chi può gestire il mare? Forse un uomo? O piuttosto solo Dio ha avuto la Sapienza di creare tutte le cose? Insomma, l’uomo non può pretendere di comprendere tutti i comportamenti di Dio. A volte, ci possiamo solo fidare di Lui e del Suo infinito Amore.

Nel Vangelo ritorna l’immagine del mare. Gesù è sulla barca con i suoi discepoli. Sta dormendo. Scoppia una tempesta: la barca rischia seriamente di affondare, ma Gesù continua a dormire. I discepoli, giustamente, sono stremati e hanno paura: la disperazione la fa da padrone. Gesù prima gli ha chiesto di attraversare il lago, ed ora sembra che non si prenda cura di loro.

Attraversare il lago significa chiedergli di uscire dalla loro zona di comfort, di fidarsi di Lui, di provare a ragionare con la Sua logica e non con quella degli esseri umani. Gli apostoli interpretano questo silenzio come una mancanza di cura e di amore nei loro confronti. E se invece Gesù non stia facendo nulla perché si fida di loro? Gli apostoli Lo svegliano, Gli chiedono aiuto, Lui placa la tempesta e poi li rimprovera di essere uomini di poca fede.
Che significa? La fede non è una soluzione hai problemi, ma è un modo diverso di vivere i problemi. So che sono nella difficoltà, so che devo affrontare la tempesta, ma so anche la Dio nutre sempre e comunque un amore infinito nei miei confronti.

Questo è ben spiegato nella Seconda Lettura. San Paolo dice: “l’amore di Cristo ci possiede”, cioè Cristo ha donato la Sua vita per noi, è morto e risorto per noi: noi valiamo il Suo sangue. Dopo tutto questo potrebbe mai abbandonarci?

Per spiegare meglio questo concetto, vorrei raccontarvi la storia di Chiara Corbella Petrillo. Chiara era una giovane sposa. È salita al Cielo qualche anno fa. Lei e il marito, Enrico, hanno avuto due figli, entrambi morti dopo poche ore dalla nascita a seguito di gravi malformazioni. Molti di noi avrebbe odiato Dio, ragionando come Giobbe: è un’ingiustizia! Ma Chiara ed Enrico sapevano che dietro quella sofferenza si nascondeva un progetto di amore più grande. Quando lei rimane incinta per la terza volta, il bambino è finalmente sano, ma Chiara si ammala di tumore. Non può curarsi perché le cure sarebbero troppo pericolose per il piccolo che è nel suo grembo.

Inizia a curarsi solo dopo la sua nascita. Ma è troppo tardi. E dopo un anno Chiara sale in Cielo. Nonostante tutto lei e suo marito non hanno mai perso la fede. Perché? Perché hanno sempre riconosciuto il fatto che il progetto di amore di Dio è spesso incomprensibile alla mente umana.

A questo punto mi preme di specificare una cosa. Per capire se abbiamo un po’ di fede o meno dovremmo porci questa domanda: chi è Gesù per me? Un insieme di regole e precetti da seguire o una Persona con la quale stare in relazione? Gesù ci da solo una religione o stringe con noi un legame di Amore?

Voglio lasciarvi con l’augurio di sentirvi sempre profondamente amati da Dio, soprattutto nei momenti più difficili.

Buona estate!

Articolo precedentedon Roberto Rossi – Commento al Vangelo di domenica 20 Giugno 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2021