Commento (e immagini) al Vangelo di domenica 12 Aprile 2020 per bambini – Fano

498

Gesù è la nostra Pasqua ebraica

Maria, all’alba, corre a vedere la tomba. Era ancora bloccata nella morte. E si scopre che ha dimenticato di far parte di un popolo pellegrino, vittorioso nella persecuzione, forte nel deserto, migrante in cerca della nuova Gerusalemme.

Maria, nel buio, cominciò a vedere lampi di vita. La vita stessa brillava in quella tomba appena liberata. E si scopre che Cristo non c’era. Cristo stava di nuovo accompagnando il popolo, perché è la Pasqua che non solo ricorda, ma aggiorna il suo Amore per i malati, i professionisti della salute, i missionari, i poliziotti, gli spazzini, i becchini, i preti, famiglie e una lunga eccetera che va in Piazza San Pietro con Papa Francesco.

Maria ricordava l’esodo. È tempo di festeggiare e asciugare le lacrime. È tempo di Pasqua: il passaggio dalla schiavitù alla libertà, dall’oscurità alla luce, dalla paura alla pace, dall’incredulità all’incontro per fede, dagli sguardi miopi agli orizzonti del significato, …

Congratulazioni, continuiamo a combattere, vale la pena vivere! Nelle quarantene e nei confini nascosti, nell’esposizione di chi lavora negli ospedali, nel dolore dei malati … è successo qualcosa. Cristo è passato attraverso di noi e noi non siamo più gli stessi. Congratulazioni, continueremo insieme uniti!

(Testo tradotto usando Google Translate – mi scuso per eventuali errori, nel caso scrivete nei commenti 😉 )

  • Immagini di: Patxi Velasco FANO
  • Testo di: Fernando Cordero ss.cc.