Commento (e immagini) al Vangelo di domenica 10 Ottobre 2021 per bambini – Fano

159

Scateniamo il cammello!

Nel Vangelo di domenica incontriamo il giovane ricco, così esemplare e compiacente su alcune questioni. Ha però un punto debole un po’ problematico per chi ammira Gesù e può diventare un suo possibile seguace: gli piace aggiungere più che sottrarre aspetti come accumulare comandamenti, meriti, pratiche religiose e denaro. Era molto ricco, poi aveva aggiunto grosse somme di denaro.

La cosa peggiore è che la sua posizione economica lo ha sopraffatto con il desiderio di seguire il buon Maestro. Per accumulare, il giovane vuole sapere come ottenere “punti” per ereditare la vita eterna. Gesù sconvolge le sue idee e il ricco esce triste e abbattuto.

La sua ricchezza può, lo lega, lo appesantisce, gli impedisce di essere libero di accogliere il prezioso invito di Gesù in chiave di sottrazione, di distacco, a custodire ciò che è essenziale che, paradossalmente, è il tesoro più prezioso: che di vita eterna. Rivedere le chiavi della nostra vita può essere essenziale per posizionarci correttamente per il follow-up. Seguire Gesù non lega, ci mette le ali per amare. Gesù ha solo bisogno del filo sottile della nostra povertà per tessere il Regno di Dio. Quindi lasciamo andare il cammello!

Questo fine settimana del 9 e 10 ottobre inizia il cammino sinodale a livello di Chiesa universale a Roma. Uniamoci in questo cammino insieme con la nostra partecipazione attiva, nelle diocesi, nelle parrocchie, nei movimenti, nei gruppi, nelle congregazioni… Il 17 ottobre sarà il “colpo di partenza” nelle diocesi.

Slegaci, Signore, di quanto ci costa di più seguirti con coraggio, determinazione e smarriti. Sentiamo che la nostra vita è solo tua per il servizio del tuo Regno.

(Testo tradotto usando Google Translate – mi scuso per eventuali errori, nel caso scrivete nei commenti)


Articolo precedenteVideo Vangelo di domenica 10 Ottobre 2021 per bambini e ragazzi – don Mauro Manzoni
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 8 Ottobre 2021