Commento alle letture di domenica 1 Dicembre 2019 per bambini – ElleDiCi

425

Commento alle letture di domenica e spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

Oggi inizia il tempo di Avvento. Abbiamo pocopiù di venti giorni per prepararci alla venuta di Gesù. Per festeggiare Gesù nato più di 2000 anni fa, e sempre presente!

PRIMA LETTURA (Isaia 2, 1-5)

Ecco un canto di speranza scritto dal profeta Isaia, duemilasettecento anni fa. Un giorno, dice, Dio farò regnare la pace su tutta la terra.

Capire le parole

  • Giuda. Al tempo di Isaia, Israele era diviso in due. A nord, il regno d’Israele; a sud, il
    regno di Giuda, con capitale Gerusalemme.
  • Giacobbe. È l’antenato delle dodici tribù d’Israele. È il nipote di Abramo.
  • Vomeri. È l’aratro, o meglio la lama tagliente di esso; serve per lavorare la terra.

Di più

Una coraggiosa scommessa!

Giuda è un piccolo paese a confronto con i vicini, Egitto e Assiria. Il Faraone d’Egitto e il re d’Assiria sarebbero scoppiati a ridere a sentire Isaia dire che Gerusalemme, la capitale di Giuda, sarebbe divenuta il centro del mondo. Ma Isaia non si preoccupa. Per lui Gerusalemme è la città che il Signore ha scelto per parlare agli uomini. Per Isaia. quando essi conosceranno il Signore, Gerusalemme diventerà veramente ciò che il suo nome ebraico Significa: città della pace.

SECONDA LETTURA (Romani 13, 11-14)

Questo non è il momento di dormire, dice san Paolo. Combattete per vivere da cristiani. La vostra armatura? È Gesù.

Capire le parole

  • Tenebre. Assenza totale di luce.

VANGELO (Matteo 24, 37-44)

Gesù parla del momento in cui verrà a regnare per sempre. Nessuno sa se questo sarà presto, alla fine della nostra vita o alla fine del mondo. Gesù dice soltanto: vegliate!

Capire le parole

  • Venuta. Indica la visita del re nei paesi a lui sottomessi. Era detta anche «avvento» perché era un fatto eccezionale. Qui è la venuta di Gesù Cristo alla fine dei tempi.
  • Figlio dell’uomo. Gesù utilizza questa espressione per parlare di sé. Mette in luce e sottolinea la sua umanità e il suo ritorno futuro nella gloria.
  • State pronti. Nel caso degli sportivi, è allenarsi tutti i giorni per avere i muscoli in piena
    forma nel giorno della gara. Non ci si può addormentare, se no addio vittoria! Noi cristiani siamo invitati a stare pronti per accogliere Gesù. Durante l’Avvento, ogni giorno, cerchiamo di fargli più posto nella nostra vita!

Di più

Tienti pronto!

Gesù usa parole forti per stimolarci. Vuol farci comprendere come sia importante essere preparati per accogliere il Signore. Impiega parole dure per dimostrare l’urgenza della situazione. Ma Dio non ci chiede mai degli sforzi superiori alle nostre possibilità. Teniamoci pronti e non avremo motivo di avere paura.

Fonte (e molto altro materiale) sul sito elledici.org

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.