Commento al Vangelo di domenica 24 Maggio 2020 per bambini/ragazzi – Sr. Mariangela Tassielli

111

Il Signore risorto che l’evangelista Matteo ci descrive sembrerebbe essere di poche parole e molti fatti. Ai pochi versetti che questa domenica ci presente, fanno eco altri versetti di poco precedenti. Qui si legge: «Gli Undici andarono sul monte che Gesù aveva loro indicato». L’indicazione in realtà viene data alle donne che, ritornando dal sepolcro, incontrano Gesù risorto. Sono le prime a incontrarlo. Sono le prime a essere mandate: «Andate e annunciate ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno». Le donne vanno e annunciano.

Ma non basta. La seconda parte dell’ultimo capitolo di Matteo ci mette davanti un secondo mandato. Gesù invia coloro che di lui hanno fatto esperienza, li invia ad andare a tutti i popoli, per rendere chiunque discepolo, battezzato. Per comunicare la gioia della sua presenza, la pienezza del suo amore.

Questi versetti nella storia sono diventati molte volte causa di esclusione, di proselitismo; nei momenti più duri anche di sottomissione. Quasi come se quel «fate discepoli tutti i popoli» avesse voluto significare «costringete tutti a credere in me».

E invece colui che invia è il Risorto. E il Risorto libera, spezza catene, scioglie legacci, fa esplodere la gioia, i carismi, la diversità. Il mandato ci impone solo una cosa: «Andare! Uscire! Non trasformare la nostra esperienza di lui in un gioiello da cassaforte».

«Fare discepoli» è dire a tutti che il dono non esclude nessuno.

«Battezzare» è offrire a chiunque la possibilità di essere ammantato dall’amore.

«Insegnare a osservare i suoi comandamenti» è far vedere con la nostra vita quanto aderire alle sue logiche renda tutto nuovo, migliore, buono.

È lui, il Signore, il senso di ogni cosa. Il suo essere con noi fino alla fine del mondo è garanzia di quell’amore che sostiene la storia. È questo l’annuncio di cui dobbiamo e possiamo far vibrare il mondo… quel mondo vicino che ci circonda.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Tu sei con noi!

Tu sei con noi, Signore:
sorgente e causa della nostra gioia.
Sei con noi, Signore risorto:
vita che zampilla, amore che irrora.
Sei con noi nelle notti interminabili
e nell’albeggiare carico di speranza;
negli aridi mezzogiorni assolati
e nel tepore rinfrescante delle sere.
Sei con noi, sempre!
Sarai con noi per sempre!
È questo che ci chiedi di ricordare al mondo,
ogni giorno, avendo sul volto lacrime o sorrisi.
È questo ciò che ci chiedi di annunciare.
Amen.

Altre immagini di Sr. Mariangela, sul sito cantalavita.com


AUTORE: Sr. Mariangela Tassielli
FONTE: Cantalavita
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.