Commento al Vangelo di domenica 16 Settembre 2018 per bambini – Gervasi

Pubblicità

Voi chi dite che io sia?

Cari bambini ben trovati! Abbiamo ascoltato un bel vangelo nel quale Gesù si ritrova con i suoi amici apostoli e vuole chiedere loro qualcosa di importante. Dopo aver predicato molto e fatto tanti miracoli vuole capire che idea si è fatta la gente di Lui.
Voglio raccontarvi quello che successe un giorno ad un mio amico, don Matteo, quando commentava queste parole di Gesù.

Don Matteo aveva da poco ripreso il catechismo e decise di chiedere ai bambini se si ricordavano dopo le vacanze chi era Gesù del quale avevano sentito già tanto parlare.
“Era veramente un uomo speciale”, disse una ragazza della prima fila piena di entusiasmo! “Brava”’, rispose don Matteo.

“Era il Figlio di Dio, la seconda persona della Trinità!” rispose il piccolo Manuele che le catechiste chiamavano ‘il piccolo prete’ per come rispondeva correttamente.
Inutile dire che la catechista era tutta contenta della risposta del bambino del suo gruppo! 
“Vedo che le catechiste vi hanno insegnato molto bene”, commentò don Matteo.

“Era la persona più importate del mondo! “, rispose un altro piccolo bambino un po’ paffutello. “Ok”, disse don Matteo. Ad un certo punto mentre tutti alzavano le mani per dare le risposte più vivaci, il piccolo Giovannino scoppiò in un pianto dirotto!

“Perché piangi, Giovannino, che ti succede?” – Giovannino era un bambino con alcuni problemi di salute che non riusciva mai a stare fermo e picchiava i compagni con una certa facilità pensando che non gli volessero bene.  “Allora, Giovannino, perché piangi?”

E Giovannino finalmente rispose: “Oggi ho picchiato mio fratello prima di venire in Chiesa, poi entrando ho visto la grande Croce vicino alla porta. E lì c’era Gesù e ho visto che stava soffrendo e mi viene da piangere…”. “Giovannino ma tu sai chi è Gesù?”- Giovannino non poteva rispondere perché ormai piangeva a singhiozzi. Non sapeva dire chi era Gesù, ma pensando a Lui non smetteva di piangere.

Non so cari fratelli se vi è mai capitato di ritrovarvi a piangere nel pensare a Gesù!
Il piccolo Giovanni non sapeva dare una vera risposta, ma aveva capito una cosa importante: non si può capire chi è Gesù se non ci si lascia coinvolgere da Lui!  Per questo Gesù dice anche a Pietro oggi nel Vangelo di non dire niente… di non dire che Lui è il Cristo. Infatti uno può anche dire queste parole ma non capirle veramente. Come è possibile che tanti cristiani, tanti ragazzi o adulti dicono di sapere chi è Gesù, e forse questa estate non sono andati a Messa neanche una volta?
Se si capisce chi è Gesù non si può rimanere come prima!

Gesù nel Vangelo ci dà un indizio per capire veramente che lui è il Cristo: bisogna stargli vicini vicini, e prendere la nostra croce, le cose difficili della nostra vita, metterci vicino a Lui e vedere Lui che fa. Giovannino aveva la sua piccola croce, la sua lite con il fratello e quando è stato davanti a Gesù ha capito che aveva sbagliato, ha capito che Gesù gli voleva bene, e con il suo carattere difficile ha iniziato ad essere vicino a Gesù. Solo così possiamo realmente capire cosa significa chi è Lui e la importanza grandissima di quello che ha detto Pietro: ” Tu sei il Cristo”.
Per gli Ebrei infatti il Cristo era Colui che avrebbe salvato ogni uomo, Colui che inviato da Dio, si sarebbe manifestato come suo Figlio. Ma lo avrebbe fatto prendendo per tutti la sua croce, soffrendo, morendo e risorgendo. Pietro questo non lo aveva capito, per questo Gesù gli diceva che non pensava secondo Dio ma secondo gli uomini.
Chi invece perderà la sua vita per seguire Gesù, la salverà!

Spero che oggi possiamo tutti noi desiderare questo e magari, come il piccolo Giovannino, dispiacerci e piangere se ancora non siamo in grado di stare con Gesù e capire il suo segreto:
Lui, il Cristo, il Figlio di Dio, ha rinunciato alla sua vita e ha preso la croce perché vuole bene proprio a ciascuno di noi.

Dal sito omelie.org

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 16 Settembre 2018 anche qui.

Tu sei il Cristo… Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 8, 27-35
 
27Poi Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». 28Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elia e altri uno dei profeti». 29Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». 30E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
31E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. 32Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. 33Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».
34Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. 35Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 16 – 22 Settembre 2018
  • Tempo Ordinario XXIV
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Potrebbe piacerti anche