Commento al Vangelo del 22 aprile 2018 – Paoline

130

In questa IV Domenica di Pasqua, l’evangelista Giovanni ci invita ad ascoltare la voce del nostro pastore, colmo di bontà e di bellezza, che dona la vita per salvare noi dalla morte e ci spalanca le porte del cielo.

L’amore di Cristo ci sostiene

Cristo è ancora oggi per noi il buon Pastore che, direttamente e attraverso chi lo rappresenta, continua a prendersi cura dell’intero gregge non solo disperso per le persecuzioni esterne, ma anche diviso all’interno, nel conflitto tra il sì radicale al Vangelo e il compromesso con la ricerca degli idoli mondani. Egli si mette pure alla ricerca delle singole pecore smarrite nelle valli desolate del dubbio o nei dirupi del peccato e dell’ostinato rifiuto.

Un gregge senza pastore subito si smarrisce o diviene facile preda del “lupo”: l’umanità senza Gesù è una moltitudine sbandata, in cui homo homini lupus, in cui l’uomo si comporta con l’altro uomo non da fratello ma da lupo, seguendo come unica legge quella dell’egoismo e della prepotenza. È l’amore del Signore che, solo, può sostenere il nostro fragile, fragilissimo amore. È la sua mano potente che continuamente ci ricupera dai nostri sbandamenti; è la sua fede che sempre osa scommettere sulla nostra conversione.

Da: Anna Maria Cànopi, Guardate le mie mani. Lectio divina sui gesti di Gesù. Paoline

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

IV Domenica del Tempo di Pasqua

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 22 Aprile 2018 anche qui.

Gv 10, 11-18
Dal Vangelo secondo Giovanni

11Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. 12Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; 13perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. 14Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, 15così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. 16E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. 17Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. 18Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 22 – 28 Aprile 2018
  • Tempo di Pasqua IV
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.