Pubblicità
Home / Vangelo della Domenica / Per i giovani / Commento al Vangelo del 10 Febbraio 2019 – Dossier Catechista

Commento al Vangelo del 10 Febbraio 2019 – Dossier Catechista

Cosa ci rende sicuri? Di chi abbiamo fiducia? Genitori, amici, parenti, noi stessi, Io Stato, i soldi?… Simon Pietro ha faticato tutta la notte e non
ha pescato nulla, ma crede a Gesù sulla parola. Le reti saranno piene e lui sarà diverso: un «pescatore» di anime e coscienze.

COMPRENDO LA PAROLA

Sulla barca.
La scena si svolge al Iago di Gennesaret, le barche a riposo sulla riva sono un luogo più elevato da cui parlare.
L’immagine sarà ripresa a simboleggiare la Chiesa, guidata da Pietro sulla Parola di Gesù.

Getterò Le reti.
Le ore più propizie per la pesca sono quelle notturne. Ci vuole una grande fiducia in Gesù…
Ma Simon Pietro ha già ammirato la forza di Gesù nella guarigione di sua suocera.

Peccatore.
Simon Pietro si prostra davanti a quell’uomo che non può non venire da Dio. Davanti a lui si dichiara in qualche modo indegno di stargli vicino. Un atteggiamento di vera umiltà.

Pescatore di uomini.
Gesù lo tranquillizza e Io responsabilizza. Il suo futuro sarà quello di «pescare» uomini. Il verbo usato è traducibile più propriamente con «prendere vivi», ossia dare vita a ogni persona, che
Gesù insegnerà a considerare sorella o fratello.

ASCOLTO LA VITA

Nonno Vanni è una forza. Con le mani sa fare qualsiasi mestiere: contadino, muratore, idraulico, falegname… Ora è in pensione, ma quando lavorava venivano gli ingegneri a chiedere il suo parere: era solo un operaio, ma aveva una grande esperienza e un’intelligenza pratica non comune.
Anche in famiglia, «se lo dice nonno Vanni» tutti sono sicuri sia così. Si fidano, perché hanno visto tante volte che le sue previsioni si sono avverate. lo sono contento di stare vicino al nonno quando fa i suoi lavoretti.
Mi insegna sempre qualcosa che non so, anche se sarà difficile essere come lui. Ma io ci proverò. Mi dice sempre: «Non temere. A fare si corre il rischio di sbagliare, ma solo chi non fa nulla non sbaglia mai». Se lo dice lui…

PREGO LA PAROLA

La tua Parola, Gesù,
è come un tesoro:
vale più di ogni cosa,
ci mette a posto La vita,
La tua Parola, Gesù,
è come una mappa:
ci guida verso la meta
della sapienza e dell’amore.
La tua Parola, Gesù,
è come una lampada:
illumina i nostri passi
sulle strade di ogni giorno.
La tua Parola, Gesù,
è come una voce amica:
qualsiasi cosa tu abbia fatto,
non ti lascia mai.

MI ATTIVO

  • Di quale parola ci fidiamo davvero? Chi ha conquistato la nostra fiducia? CE qualcuno con cui andremmo ovunque? Discutiamone in gruppo, chiedendoci se Dio e Gesù sono tra questi. Cosa ci convince di più o di meno di loro?
  • Simon Pietro, di fronte al convincente miracolo di Gesù, si inginocchia e si dichiara peccatore. Siamo capaci di farlo anche noi?
    Di cosa dobbiamo chiedere perdono provando a migliorarci?
  • In settimana mi propongo di leggere ogni giorno un brano del Vangelo, per conoscere meglio Gesù e la sua proposta. Mi chiederò cosa suggerisce alla vita concreta e mi proporrò di mettere in pratica i suoi consigli.


Fonte: Dossier Catechiesta – Febbraio 2019 pag. 596

L’abbonamento per l’anno catechistico 2018-2019 comprende 8 numeri (settembre 2018-maggio 2019) + l’agenda del catechista + due poster.

Il prezzo è: per l’Italia € 12,90; per l’estero € 22,00. Per l’Italia, ogni 5 abbonamenti pagati ne viene aggiunto uno in omaggio (5+1), in pacco unico o a destinatari diversi.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

QUINTA SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 10 Febbraio 2019 anche qui.

Lc 5,1-11 Lasciarono tutto e lo seguirono.

In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.

Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare. Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini». E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

C: Parola del Signore. A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: La Sacra Bibbia

ALTRI COMMENTI

VEDI ANCHE

Commento alle letture di domenica 24 Febbraio 2019 per ragazzi e bambini – Missio Ragazzi

Questa domenica Gesù ci chiede di essere coloro che ASCOLTANO. Perché? Perché solo chi si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.