Catechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 4 2020 per bambini e ragazzi

470

A SERVIZIO DEL REGNO!

La parabola dei contadini omicidi, che la Liturgia della Parola ci propone, narra per immagini la storia di Dio e di Israele.

Gesù utilizza immagini immediate: il padrone, che pianta, cura e ama la sua vigna-Israele, è il Signore; i contadini, avidi e assassini, che spadroneggiano sulla vigna, sono le autorità religiose; il figlio è Gesù stesso.

Il Maestro, non a caso, racconta questa parabola alla presenza dei capi dei sacerdoti e degli anziani che, invece di prendersi cura di Israele e di guidarlo alla conoscenza del cuore grande di Dio, fanno i loro interessi personali.

La parabola si conclude con un finale inaspettato: la tormentata storia di amore tra Dio e il suo popolo non si conclude con la morte del Figlio, ma con la consegna della vigna ad altri contadini per farla fruttificare, chiaro riferimento alla Chiesa.

Oggi siamo noi i contadini chiamati a lavorare al servizio del regno di Dio con gratuità, superando la tentazione di sentirci padroni della vigna e dei suoi frutti.

Impegnamoci a dare il nostro contributo in parrocchia con servizi importanti
(es.: cantare, leggere, aiutare chi è in difficoltà…).

Approfondiamo una parola del Vangelo

Vigna

L’immagine è ben conosciuta da Gesù e dai suoi ascoltatori. Nell’AT indica il popolo d’Israele, definito piantagione amata da Dio (cfr. Es 19,5; Dt 7,6; Is 5,1-7). Nel Mediterraneo la vigna è la coltivazione che comporta anni di lavoro, cura e amore; esige un rapporto stabile e pieno di attenzione da parte del vignaiolo. Per queste ragioni i profeti intravvedono nell’amore tra vignaiolo e vigna il rapporto di alleanza tra Dio e il suo popolo. Purtroppo la vigna-popolo non sempre corrisponde a queste cure e, spesso, non produce i frutti attesi. Vigna Gesù reinterpreta il simbolo della vigna e se ne serve per rivelare alcuni aspetti del regno di Dio, presenti nella sua persona e azione, e la reazione del popolo dinanzi al suo annuncio (cfr. Mt 20,1-6; 21,28-42; Mc 12,1-12).

PREGHIAMO

Signore Gesù,
in questa parabola ci narri che Dio ama il suo popolo,
come un vignaiolo ama la sua vigna,
e pieno di fiducia
la consegna
alle nostre cure. Signore Gesù, liberaci
dalla tentazione
di sentirci padroni della vigna, aiutaci ad essere sempre fedeli e a vivere
con responsabilità
e impegno il compito entusiasmante
di essere collaboratori gioiosi della sua vigna!

Fonte del materiale:

Catechisti Parrocchiali
Rivista di OTTOBRE 2020 a SOLO 2€