Catechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 3 Maggio 2020 per bambini e ragazzi

118

GESÙ: PASTORE E PORTA

Questa IV domenica di Pasqua è chiamata del Buon Pastore.

  • Gesù parla di sé e della sua missione, usando la similitudine del pastore. Come il pastore entra per la porta, cammina davanti alle pecore, le conosce e le chiama ciascuna per nome, così egli fa con noi: ci conosce, ci chiama per nome e ci guida.
  • Gesù instaura con ciascuno di noi un rapporto personale nel quale siamo chiamati a entrare, perché diventi scambio e reciprocità, attraverso l’ascolto della sua voce (la Parola) che ci
    invita a seguirlo e ci guida nel cammino della vita.
  • Il Maestro, con un’altra similitudine, «Io sono la porta delle pecore», cerca di superare l’incomprensione dei discepoli. A quel tempo le pecore venivano chiuse in un recinto fatto di pietre accatastate e sormontate da rovi spinosi; il pastore, rannicchiato nell’apertura del recinto, diventava egli stesso la porta che serrava il passaggio e impediva a ladri e lupi di fare scempio del gregge. Gesù dice di essere la porta delle pecore, in quanto è a servizio delle pecore e, attraverso di lui, ci introduce nella vita piena.

Impegnamoci a sostenere con la preghiera quanti vivono la propria vocazione sull’esempio del Buon Pastore!

Approfondiamo una parola del Vangelo

57a Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni

Nella IV Domenica di Pasqua, si celebra, in tutto il mondo, la Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni. L’Ufficio Nazionale per la pastorale delle vocazioni ha scelto come slogan per la 57a Giornata: «Datevi al meglio della vita» (ChV 143). Ecco cosa dice Papa Francesco nell’Esortazione apostolica Christus vivit: «Cercare il Signore, custodire la sua Parola, cercare di rispondere ad essa con la propria vita, crescere nelle virtù, questo rende forti i cuori dei giovani. Per questo occorre mantenere «la connessione» con Gesù, essere «in linea» con lui, perché non crescerai nella felicità e nella santità solo con le tue forze e la tua mente. Non confondete la felicità con un divano, lasciate piuttosto sbocciare i sogni e prendete decisioni… Vivete! Datevi al meglio della vita!» (cfr. nn. 158.143).

PREGHIAMO

Signore Gesù,
Buon Pastore,
tu ci conosci e ci chiami per nome, ci inviti
a vivere con te
un rapporto personale.

Fa’ che, ascoltando
il tuo Vangelo, impariamo a riconoscere
la tua voce che ci guida nel cammino della vita
e ci invita a passare attraverso di te,
porta della nostra salvezza.

Fonte del materiale:

Catechisti Parrocchiali
Rivista di MAGGIO 2020 a SOLO 2€


Articolo precedentedon Lucio D’Abbraccio – Commento al Vangelo del 3 Maggio 2020
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 3 Maggio 2020