Catechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 22 Novembre 2020 per bambini e ragazzi

110

GIUDICATI SULL’AMORE

La domenica di Cristo, Re dell’universo, ci presenta il brano di Matteo del giudizio universale.

È Gesù stesso che spiega ai discepoli il giudizio finale: davanti al Re (Dio) sono radunate tutte le genti di ogni luogo e tempo. Il Re, che conosce in profondità il cuore, il senso profondo delle azioni e di ogni storia, divide l’umanità in due gruppi: alla sua destra coloro che entreranno nel Regno; alla sua sinistra, coloro che saranno allontanati. Il giudizio finale è universale: è per tutti ed è compiuto in base all’operato di ciascuno.

Il criterio per entrare o meno nel Regno della gioia senza fine è l’amore verso il prossimo, che vive nel bisogno, e richiama le opere di misericordia già conosciute dagli ebrei; ad esse Gesù aggiunge un elemento originale, identificandosi con i destinatari delle azioni di amore. Il giudizio eterno di vita o di morte si gioca sul rapporto con Gesù, e si realizza in modo privilegiato nella relazione di accoglienza o di rifiuto di chi soffre.

Quando si concluderà la nostra avventura sulla terra, una sola cosa sarà preziosa: l’amore che avremo donato ai fratelli e alle sorelle. Chi ama il prossimo, ama Dio; non si può amare Dio, senza amare il prossimo. Ciò che conta veramente è l’amore!

ImpegniAMOci a cogliere le occasioni per aiutare il prossimo in difficoltà.

Approfondiamo una parola del Vangelo

FIGLIO DELL’UOMO

Al tempo di Gesù l’espressione indica qualcuno che condivide la condizione umana e ricorda un testo di Daniele che parla della fine dei tempi: un figlio d’uomo riceve l’investitura di Signore della storia per un regno che non sarà distrutto (7,13s.). Figlio d’uomo è, quindi, un titolo messianico. Gesù parla di sé come Figlio dell’uomo. L’espressione indica che Gesù è vero uomo e il Messia.

PREGHIAMO

Signore Gesù, anche oggi, attraverso il volto del prossimo affamato, assetato, forestiero, nudo, malato… bussi al nostro cuore e chiedi un gesto d’amore. Signore Gesù, facci capire che l’altro, ogni altro, è un fratello o una sorella da amare, e che, solo amando loro…, amiamo te! Signore Gesù, ricordaci sempre che saremo giudicati sull’amore.

Fonte del materiale:

Catechisti Parrocchiali
Rivista di NOVEMBRE 2020 a SOLO 2€