Catechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 20 Marzo 2022 per bambini e ragazzi

207

- Pubblicità -

ATTENDERE CON PAZIENZA

Il Vangelo di oggi contiene due fatti di cronaca: una uccisione e un incidente, i quali fanno riflettere sulla morte vissuta come una violenza ingiusta, che scuote la fede: perché Dio permette soprusi, violenze e disastri?

Gesù, commentando l’uccisione, da parte dei romani, di alcuni Galilei e la morte di 18 persone, dovuta al crollo della torre di Siloe, rifiuta l’idea (anche di oggi!) secondo cui le disgrazie sono punizioni divine per i peccati commessi. Il Maestro restituisce la vera immagine di Dio che è buono e misericordioso e non colpisce il peccatore. Quelle uccisioni e quelle morti diventano occasioni per riflettere e vincere l’illusione di poter vivere senza Dio. Sono un invito alla conversione.

Con la parabola del fico Gesù ci rivela che Dio è come il vignaiolo che, pazientemente, sa aspettare, dedicando tempo e lavoro perché il fico sterile porti frutto. Egli è misericordioso nell’attendere la nostra conversione e il nostro impegno a fare il bene.

Come Dio si prende cura con pazienza e misericordia di noi, dandoci il tempo di far maturare frutti buoni, così anche noi siamo chiamati ad essere pazienti e misericordiosi verso gli altri.

PREGHIAMO

Signore Gesù ,
tu ci presenti
il volto autentico
del Padre
paziente,
tenero e
misericordioso,
che attende
la nostra
conversione,
dando a tutti
il tempo
di portare
frutti buoni,
e ci aiuti a
superare l’idea
di un Dio
giustiziere,
che castiga
i peccatori
con sciagure
e disgrazie.
Signore Ges ,
aiutaci a
esercitare
pazienza e
misericordia
verso tutti
i fratelli e le
sorelle che
incontriamo,
imitando
quelle che Dio
ha per ciascuno
di noi.

Fonte del materiale:

- Pubblicità -

Catechisti Parrocchiali
Rivista di MARZO 2022 a SOLO 2€ (in PDF)


Articolo precedentedon Guido Santagata – Commento al Vangelo di domenica 20 Marzo 2022
Articolo successivoCommento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 20 Marzo 2022