Catechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 15 Novembre 2020 per bambini e ragazzi

109

«TRAFFICHIAMO» I DONI DI DIO

La liturgia della Parola ci presenta la parabola dei talenti, certamente tra le più conosciute dei Vangeli.

Un padrone parte per un lungo viaggio e affida i suoi talenti a tre servi di cui si fida, affinché li investano e li moltiplichino. Al suo ritorno il padrone chiede conto della fiducia accordata loro.

Colui che ha ricevuto cinque talenti si è mostrato operoso, ha rischiato, raddoppiandoli. Lo stesso fa il secondo, ed entrambi ricevono l’elogio del padrone. Il terzo, invece, vinto dalla paura di sciupare o perdere l’unico talento ricevuto, lo ha sotterrato e lo riconsegna intatto, ricevendo il biasimo del padrone.

La parabola ci svela, in filigrana, che Dio Padre (il padrone) ci conosce, ha fiducia di noi e ci «riempie le mani» dei suoi doni (i talenti), perché li traffichiamo. La sua giustizia non fa dare a tutti lo stesso impegno, ma affida a ciascuno un compito… su misura! I primi due servi simboleggiano coloro che, riconoscendo il volto buono e giusto di Dio, accolgono la sua logica, mentre il servo che ha sotterrato il talento è simbolo di chi ha un’immagine distorta di Dio, considerandolo duro e cattivo.

ImpegniAMOci a trafficare i talenti, i doni, le capacità che il Signore ci ha dato per farli fruttificare.

Approfondiamo una parola del Vangelo

Talento

Non è una moneta, ma un valore; esso serviva per calcolare le somme in oro e in argento, pesava ben 34,2 kg. In argento corrispondeva a circa 17/18 anni di stipendio; in oro a circa 885 anni di stipendio! Il servo che riceve un talento e lo nasconde sotto terra, in realtà ha rinunciato a una fortuna: tutto quello che avrebbe potuto guadagnare nella intera vita!

PREGHIAMO

Signore Gesù, con la parabola
dei talenti
ci fai comprendere che Dio Padre a ciascuno
di noi affida, con fiducia,
i suoi doni da riconoscere
e trafficare. Signore Gesù, liberaci dalla tentazione di «sotterrarli», per paura
o pigrizia,
e aiutaci a trafficarli, per collaborare alla realizzazione del regno
di Dio e per partecipare della sua gioia.

 

Fonte del materiale:

Catechisti Parrocchiali
Rivista di NOVEMBRE 2020 a SOLO 2€