Catechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 11 Aprile 2021 per bambini e ragazzi

239
Catechisti Parrocchiali - Commento al Vangelo per bambini e ragazzi
Catechisti Parrocchiali - Commento al Vangelo per bambini e ragazzi

DAL DUBBIO ALLA FEDE

Il Vangelo, lo stesso nei cicli A, B e C, racconta le apparizioni del Risorto: la sera di Pasqua, con Tommaso assente, e «otto giorni dopo», con Tommaso presente.

Il Risorto appare ai discepoli che, vinti dalla paura di essere riconosciuti e di fare la stessa fine del Maestro, sono chiusi nel cenacolo. La situazione è difficile, ma essi saggiamente rimangono insieme e fanno comunità. Il rendersi presente di Gesù trasforma la loro paura in gioia.

Il Risorto dice ai discepoli: «Pace a voi!», dona il suo Spirito, alitando su di loro, e consegna il sacramento del perdono. Shalom è il dono di una vita di unione con Dio, i fratelli e le sorelle; lo Spirito è il dono dell’Amore, che unisce Padre e Figlio; il perdono è un dono sacramentale per tutti, affidato agli apostoli e ai loro successori.

Tommaso, assente la sera di Pasqua, non crede alla testimonianza della comunità e vuole vedere e toccare i segni della Passione. Otto giorni dopo il Risorto si ri-presenta e Tommaso, davanti ai segni della continuità tra la croce e la risurrezione, professa la sua fede: «Mio Signore e mio Dio!». Come Gesù, anche noi siamo chiamati ad essere accoglienti nei confronti degli increduli di oggi e di coloro che sono in cammino.

Approfondiamo una parola del Vangelo

Tommaso

Uno degli apostoli. Al suo nome l’evangelista Giovanni aggiunge quasi sempre l’espressione Didimo, traduzione greca dell’aramaico Tôma, che let – teralmente significa «gemello ». I Vangeli ci forniscono pochissime notizie su di lui; la più rilevante è quella della sua incredulità riguardo alla risurrezione di Gesù (Gv 20,25). Si attribuisce a lui l’evangelizzazione di Siria e Persia – lo attesta una tradizione che risale almeno a Origene – e dell’In dia, così come attestato da san Gregorio Nazianzeno.

PREGHIAMO

Signore Gesù, la sera
di Pasqua, ti rendi
presente agli apostoli.
Tommaso, assente, non
crede loro, ha bisogno
di… toccarti
e tu lo esaudisci.
Signore Gesù, anche noi
spesso abbiamo tanti
dubbi; sostienici
nel nostro cammino
di fede, perché giungiamo
a dirti, come Tommaso:
«Mio Signore e mio Dio!».

Fonte del materiale:

Catechisti Parrocchiali
Rivista di APRILE 2021 a SOLO 2€ (in PDF)


Articolo precedenteBartolomeo de Filippis – Commento al Vangelo del 11 Aprile 2021
Articolo successivodon Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 11 Aprile 2021