p. Gaetano Piccolo S.I. – Commento al Vangelo di domenica 26 Gennaio 2020 – Congregazione per il Clero

410

Chiamati per nome

Quando perdiamo una persona cara, la cosa che forse ci manca di più è sentirci chiamati per nome. Quando ci troviamo in una situazione difficile, quando non sappiamo cosa fare, quando ci ritroviamo tra persone che non conosciamo, vorremmo sentire chiamare il nostro nome. Desideriamo essere riconosciuti. Nelle nostre situazioni di oscurità, di dubbio, quando ci sentiamo soli e inadeguati, vorremmo sentire pronunciare il nostro nome. Quella parola diventa luce in mezzo alle nostre tenebre, è come se improvvisamente diventasse giorno. È la potenza della parola. E ancor più la potenza di quella Parola che Dio ha detto nella notte dei tempi e che continua a ripetere nell’oscurità del cuore di ogni uomo.

In Galilea

Dio infatti raggiunge ogni uomo nella sua Galilea, ai confini, nelle zone in cui ci sentiamo esclusi e periferici. La Galilea è il luogo dell’inadeguatezza, delle paure e delle situazioni in cui ci sentiamo intrappolati. Proprio per questo è da lì che Gesù inizia il suo ministero (Mt 4,15) ed è lì che lo porterà a compimento (Mt 28,16-20). Ed è lì che chiama per nome…lungo il mare. Il mare è il simbolo delle nostre insicurezze, il luogo in cui possiamo sempre sprofondare, il mare è l’abisso infido. È l’immagine della morte.

Fratelli

Gesù chiama per nome coppie di fratelli che rischiano di rimanere intrappolati nelle loro reti. La rete è l’immagine delle nostre ambiguità, serve a pescare, ma possiamo anche rimanervi impigliati, come mostra la statua del Disinganno che si trova nella Cappella di San Severo (che ospita principalmente il Cristo velato): una figura umana cerca di liberarsi da una rete, rischiando di rimanervi intrappolata.

Due coppie di fratelli, simbolo di quelle relazioni che molto spesso si spezzano. Il libro della Genesi racconta diverse storie di relazioni complicate tra fratelli: Caino e Abele, Esau e Giacobbe, Giuseppe e i suoi fratelli…

È come se in questa pagina del Vangelo, Matteo volesse presentarci un Gesù che guarisce quelle relazioni spezzate: ci chiama insieme, ci affida un compito da condividere, una missione comune. Al contrario, è proprio l’individualismo, il voler tirare la rete solo dalla nostra parte, la ricerca del nostro interesse personale, che spezza la rete delle relazioni.

Nella notte

Gesù viene ad abitare la notte dell’uomo e accende una luce nuova affidandoci un compito da vivere: la prima coppia di fratelli sta gettando le reti, un’azione che viene compiuta senza allontanarsi molto dalla riva e di sera. Andrea e Simone sono immagine di coloro che vogliono pescare senza compromettersi troppo, non prendono mai il largo.

La seconda coppia di fratelli, sistema le reti, ripara quello che si è rotto, senza decidersi mai a utilizzare strumenti nuovi per rinnovare la propria vita. Gesù aveva invece cominciato la propria missione, chiedendo ai discepoli di cambiare modo di pensare, espressione che traduciamo per lo più con ‘convertitevi’. Ma la vera conversione, per accogliere il Vangelo, è cambiare modo di ragionare. La parola di Gesù ci provoca a non rimanere intrappolati nei soliti ragionamenti che ci stanno facendo male. L’operazione di sistemare le reti avveniva usualmente al mattino. Ciò significa quindi che Gesù è rimasto sulla riva per tutta la notte, senza smettere di chiamare ogni uomo a una missione nuova.

Valorizzare

Molti giovani, davanti alla parola ‘chiamata’, ‘vocazione’, si spaventano, come se Dio volesse chiedere loro di perdere qualcosa di bello nella loro vita. Quest’immagine non corrisponde al padre buono annunciato da Gesù. Così pure quando nelle testimonianze vocazionali qualche sacerdote o religioso declama il grande sacrificio che ha compiuto per Gesù lasciando fantomatiche fidanzate o remuneratissimi posti di lavoro, qualche dubbio sull’autenticità di quella vocazione è opportuno che ci venga.

Gesù ci chiama a un investimento sicuro di quello che siamo, e non ha alcuna intenzione di distruggere quello che ha creato. Per Gesù andiamo bene così. Ai discepoli, infatti, Gesù propone di diventare ‘pescatori di uomini’, come a dire che pescatori sono e pescatori resteranno. Gesù non vuole affatto snaturarli. Propone loro di mettere a disposizione del Regno quello che già sono, affinché la loro identità trovi compimento e realizzazione. Dio vuole portare a pienezza la tua vita, non vuole toglierti proprio niente!

In fondo vuole solo chiamarci ancora per nome, per dirci che la nostra vita vale sempre, che c’è sempre una missione da compiere, che c’è sempre un senso per il quale siamo venuti al mondo.

Leggersi dentro
  • Quale spazio riservi nella tua vita all’ascolto della Parola per sentire l’invito di Dio?
  • Quali sono le reti in cui ti senti impigliato e da cui il Signore vuole liberarti?

don gaetano piccoloP. Gaetano Piccolo S.I.
Compagnia di Gesù (Societas Iesu)Fonte


Letture della Domenica
III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO A
Colore liturgico: VERDE

Prima Lettura

Nella Galilea delle genti, il popolo vide una grande luce.Dal libro del profeta Isaìa

Is 8,23b – 9,3

In passato il Signore umiliò la terra di Zàbulon e la terra di Nèftali, ma in futuro renderà gloriosa la via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti.
Il popolo che camminava nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse.
Hai moltiplicato la gioia,
hai aumentato la letizia.
Gioiscono davanti a te
come si gioisce quando si miete
e come si esulta quando si divide la preda.
Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva,
la sbarra sulle sue spalle,
e il bastone del suo aguzzino,
come nel giorno di Mádian.

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Sal 26 (27)

R. Il Signore è mia luce e mia salvezza.

Il Signore è mia luce e mia salvezza:
di chi avrò timore?
Il Signore è difesa della mia vita:
di chi avrò paura? R.

Una cosa ho chiesto al Signore,
questa sola io cerco:
abitare nella casa del Signore
tutti i giorni della mia vita,
per contemplare la bellezza del Signore
e ammirare il suo santuario. R.

Sono certo di contemplare la bontà del Signore
nella terra dei viventi.
Spera nel Signore, sii forte,
si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore. R.

Seconda Lettura

Siate tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

1 Cor 1,10-13.17

Vi esorto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire.

Infatti a vostro riguardo, fratelli, mi è stato segnalato dai familiari di Cloe che tra voi vi sono discordie. Mi riferisco al fatto che ciascuno di voi dice: «Io sono di Paolo», «Io invece sono di Apollo», «Io invece di Cefa», «E io di Cristo».

È forse diviso il Cristo? Paolo è stato forse crocifisso per voi? O siete stati battezzati nel nome di Paolo?

Cristo infatti non mi ha mandato a battezzare, ma ad annunciare il Vangelo, non con sapienza di parola, perché non venga resa vana la croce di Cristo.

Parola di Dio

Vangelo

Venne a Cafarnao perchè si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 4, 12-23

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

Parola del Signore.

Forma breve:

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 4,12-17

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.