p. Ermes Ronchi – Commento al Vangelo di domenica 27 Marzo 2022

244

- Pubblicità -

Un Padre che intorno vuole figli non servi

Padre Ermes Ronchi commenta il brano del Vangelo di domenica 27 marzo 2022

La parabola più famosa, più bella, più spiazzante, si articola in quattro sequenze narrative.
Prima scena. Un padre aveva due figli. Un incipit che causa subito tensione: nel Libro le storie di fratelli non sono mai facili, spesso raccontano di violenza e di menzogne. E sullo sfondo il dolore muto dei genitori, di questo padre così diverso: non ostacola la decisione del ragazzo; lo dà in sposo alla sua propria libertà, e come dote non dovuta cede la metà dei beni di famiglia.

Secondo quadro. Il giovane inizia il viaggio della vita, ma le sue scelte sbagliate (sperperò il denaro vivendo da dissoluto) producono una perdita di umanità: il principe sognatore diventa servo, un porcaio che ruba ghiande per sopravvivere. Allora rientra in sé, e rivede la casa del padre, la sente profumare di pane. Ci sono persone nel mondo con così tanta fame che per loro Dio (o il padre) non può che avere la forma di un pane (Gandhi).

- Pubblicità -

ecide di tentare, non chiederà di essere il figlio di ieri, ma uno dei servi di adesso: trattami come un salariato! Non osa più cercare un padre, cerca solo un buon padrone. Non torna perché ha capito, torna per fame. Non per amore, ma per la morte che gli cammina a fianco paziente.

Terza sequenza. Il ritmo della storia cambia, l’azione si fa incalzante.
Il figlio si incammina e il padre, che è attesa eternamente aperta, lo vede che era ancora lontano e gli corre incontro. L’uomo cammina, Dio corre. L’uomo si avvia, Dio è già arrivato. […]

Continua a leggere tutto il testo del commento su Avvenire


RITORNO A TE STESSO

Io voglio bene al figlio prodigo, perchè è storia di vita.
Storia di umanità ferita ma incamminata. Felix culpa che gli ha permesso di conoscere a fondo il cuore del Padre, grazie alla nostalgia di casa che aveva dentro.

- Pubblicità -

Quante volte i ribelli in realtà sono solo dei richiedenti amore.
Se ne va, un giorno, il giovane, in cerca di felicità. Se ne va con la sua parte di eredità, di identità, di “vita” che crede di trovare nelle cose. E il padre lo lascia andare anche se teme che si farà male: lui ama la libertà dei figli, la provoca, la festeggia, la patisce.
Un uomo saggio.

Infatti il ragazzo troverà solo una riduzione di umanità, logica conseguenza di ogni peccato: il libero ribelle è diventato il servo che contende le ghiande ai porci.
Eppure nell’ultimo fallimento gli rimane un santuario di nobiltà: «Allora rientrò in se stesso», convertendosi a sé più che al padre.

Come lo sherpa che mentre scalava l’Everest si fermò, per aspettare la sua anima che aveva capito essere rimasta indietro.
Non più ghiande, ma la manna di Dio riservata ai cercatori di senso, erranti nei deserti del mondo.
Un figlio che però non torna per amore, ma per fame, perché la morte ormai gli cammina a fianco. Cerca un buon padrone, non osa più cercare un padre. Cercava vita, troverà Dio.

Si era preparato delle scuse, il ragazzo, continuando a non capire suo padre, che lo perdona non con un decreto, ma con un abbraccio, con una festa. Senza guardare indietro, ma creando un futuro nuovo.
Non guardate al passato, scegliete la speranza (Seneca).
Un padre che non sa che farsene delle scuse, le nostre ridicole scuse, padre che non vede peccati, ma solo il suo ragazzo rovinato dalla fame.

E non si accontenta di sfamarlo, vuole una festa con il meglio che c’è, vuole reintegrarlo in tutta la sua dignità perduta, perfino l’anello con il sigillo della famiglia.
E non ci sono rimproveri, rimorsi, rimpianti.

Al padre felice manca però qualcosa: esce a pregare il figlio maggiore, alle prese con un tormento nato da un cuore malato.
Io ho sempre ubbidito a tutti i tuoi comandi, e a me nemmeno un capretto!
È l’uomo dei rimpianti, onesto e infelice, senza gioia di vivere: non ama quello che fa, lo subisce, e il cuore è assente. Quanti cristiani sono onesti e infelici, i «cristiani del capretto» (Turoldo): sono stato bravo, cosa me ne verrà in cambio? Vivono da salariati e non da figli.

Ma l’amore non si misura su un capretto, e il padre tenta di spiegarlo, di farsi capire. “Non c’è nessun capretto, c’è molto di più! Tutto ciò che è mio è tuo”.
Alla fine non si sa se ci sia riuscito, ma non è importante. Il messaggio che Gesù ci ha regalato quel giorno, tra peccatori e farisei, è che Dio è padre solo se ha dei figli che si scoprono vivi.

AUTORE: p. Ermes Ronchi FONTE: Avvenire e PAGINA FACEBOOK

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 24 Marzo 2022
Articolo successivoMissionari della Via – Commento alle letture di domenica 27 Marzo 2022