p. Ermes Ronchi – Commento al Vangelo di domenica 10 Aprile 2022

264

- Pubblicità -

I piedi di Dio percorrono la strada della storia

Padre Ermes Ronchi commenta il brano del Vangelo di domenica 10 aprile 2022

Sono i giorni supremi, e il respiro del tempo profondo cambia ritmo; la liturgia rallenta, prende un altro passo, accompagna con calma, quasi ora per ora, gli ultimi giorni di Gesù: dall’ingresso in Gerusalemme, alla corsa di Maddalena nel giardino, quando vede la pietra del sepolcro vestirsi di angeli.

Per quattro sere di seguito, Gesù lascia il tempio e i duri conflitti e si rifugia a Betania: nella casa dell’amicizia, nel cerchio caldo degli amici, Lazzaro Marta Maria, quasi a riprendere il fiato del coraggio. Ha bisogno di sentirsi non solo il Maestro ma l’Amico. L’amicizia non è un tema minore del Vangelo. Ci fa passare dall’anonimato della folla a un volto unico, quello di Maria che prende fra le sue mani i piedi di Gesù, li tiene vicini a sé, stretti a sé, ben povero tesoro, dove non c’è nulla di divino, dove Gesù sente la stanchezza di essere uomo.

- Pubblicità -

Carezze di nardo su quei piedi, così lontani dal cielo, così vicini alla polvere di cui siamo fatti: con polvere del suolo Dio fece Adamo. Piedi sulle strade di Galilea, piedi che mi hanno camminato sul cuore, che mi hanno camminato nel profondo, là dove io sono polvere e cenere. Una carezza sui piedi di Dio. Dio non ha ali, ma piedi per perdersi nelle strade della storia, per percorrere i miei sentieri. […]

Continua a leggere tutto il testo del commento su Avvenire


MANTELLI SULLA STRADA

Inizia con la Domenica delle Palme la settimana suprema della storia e della fede. In questi giorni santi e martoriati, in attesa di qualcosa che rompa gli schemi dell’odio, si concentra tutto ciò che riguarda la fede dei cristiani, dove amore e dolore si annodano, si intrecciano per sempre.

Per questo, dalle Palme a Pasqua, il tempo profondo, quello del respiro dell’anima, cambia ritmo: la liturgia prende un altro passo e rallenta, moltiplica i momenti che accompagnano quasi ora per ora, gli ultimi giorni di vita di Gesù, dall’entrata di un corteo osannante in Gerusalemme, fino a una trinità di donne, erranti attorno al sepolcro, quando anche la pietra si anima, vestendosi di vita.

- Pubblicità -

Sono i giorni supremi della storia, i giorni del nostro destino.

E mentre i credenti di ogni fede chiamano Dio nel tempo della loro sofferenza, noi, i cristiani, andiamo a Lui nei giorni della sua sofferenza. «L’essenza del cristianesimo è la contemplazione del volto del Dio crocifisso» (Carlo Maria Martini).

Stargli accanto come in quel venerdì, contemplarlo come le donne, occhi lucenti d’amore e lacrime, ci basta; sfiorare le infinite croci del mondo dove Cristo è crocifisso nei suoi fratelli, nella sua carne innumerevole, straziata e santa.

Come sul Calvario, Dio non ci salva dalla sofferenza, ma nella sofferenza; unica consolazione in questi giorni cupi, in questi tempi senza dignità in cui lo vediamo pendere nudo e disonorato, con le mani legate, affiorare a pezzi dalle fosse comuni, custodito da donne senza nemmeno un sepolcro su cui piangere.

Come Isaia dobbiamo distogliere lo sguardo.

Poi torniamo a guardare la croce con gli occhi della fede, ed ecco lui a braccia spalancate gridarmi: ti amo. Proprio a me? Sanguina e grida, o forse sussurra appena. 

Perché Cristo è morto così? Non è stato Dio il mandante di quell’omicidio. Non è stato lui a chiedere che fosse sacrificato Gesù, l’innocente, al posto di noi colpevoli, per soddisfare il suo bisogno di giustizia. «Io non bevo il sangue degli agnelli, io non mangio la carne dei tori», quante volte l’ha gridato nei profeti!  Come oro passato al setaccio, come grano cercato per essere vagliato, in questi giorni lenti, facciamo nostra fino in fondo questa speranza silenziosa, questa fede salda che afferma davvero la giustizia di Dio non è dare a ciascuno il suo, ma dare a ciascuno se stesso; dare per la mia tutta la sua vita. 

Gesù entra nella morte, come è entrato nella carne: per amore, per essere con noi, all’estremo, perché nella morte entra ogni figlio dell’uomo. Ecco allora che Incarnazione e Passione si abbracciano, per l’eternità. E attraversano la morte, raccogliendoci tutti dalle lontananze più perdute, tirandoci fuori, trascinandoci in alto, noi e l’universo intero, dentro la corrente ascensionale della sua pasqua.

AUTORE: p. Ermes Ronchi FONTE: Avvenire e PAGINA FACEBOOK

Articolo precedentep. Maurizio de Sanctis – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2022
Articolo successivoSr. Mariangela Tassielli – Commento al Vangelo di domenica 10 Aprile 2022 per bambini/ragazzi