p. Bruno Oliviero (padre Elia) commenta il Vangelo del 29 Maggio 2022

93

- Pubblicità -

Ecco, Io faccio nuove tutte le cose

Cari fratelli e sorelle, sia la Solennità dell’Ascensione di Gesù al Cielo, che celebriamo Domenica 29 Maggio, sia la Solennità di Pentecoste, che celebreremo il 5 Giugno, sono due aspetti dell’evento straordinario della Risurrezione.

Infatti, Gesù, con La Risurrezione, ha elevato l’umanità nell’alto dei Cieli, le ha concesso “l’Accesso”, per così dire, nel mondo di Dio, mentre con la Pentecoste ha fatto capire che non ha abbandonato questo mondo, ma che attraverso la Chiesa, suo Corpo mistico, continua, per mezzo del Suo Santo Spirito, l’opera di ricapitolazione in Sé delle cose del cielo come quelle della terra fino a quando consegnerà al Padre il Regno perchè Dio sia tutto in tutti!

Cari fratelli e sorelle, Lasciamoci potenziare dallo Spirito di Cristo e collaboriamo con questo dolcissimo e tenerissimo Padre Celeste che sta facendo “nuove” tutte le cose!

Link al video
Articolo precedentep. Maurizio de Sanctis – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2022
Articolo successivoDon Francesco Cristofaro – Commento al Vangelo del 27 Maggio 2022