mons. Willy Volontè – Commento al Vangelo di domenica 10 Aprile 2022

82

- Pubblicità -

Respiro Spirituale, domenica delle Palme. Con Willy Volonté

Dalla primavera alla tempesta

Di Dante Balbo

In questa Domenica delle Palme, la primavera si esprime non solo nel paesaggio che cambia, ma anche nella gioia della processione di ingresso di Gesù a Gerusalemme, circondato dalla folla festante, dalle acclamazioni, dall’ondeggiare dei rami di palma e di olivo, braccia tese verso il cielo benedicente.

Il Maestro è accolto come un Re: non ci inganni la cavalcatura modesta per la nostra cultura abituata alla possanza dei cavalli da guerra, perché proprio l’asino è il portatore della maestà, in contrasto con i vicini egiziani e siriani.

Tuttavia è sempre in questa domenica che si legge il Vangelo della Passione, in cui questa stessa regalità è rifiutata, con una condanna inesorabile, alla morte più infamante, per mano dell’oppressore romano, quella dovuta agli schiavi e ai ribelli armati.
Ciò che sconcerta anche don Willy Volonté nel suo commento è che è la stessa folla a pronunciare entrambi i giudizi, a distanza di pochi giorni.

“È come assistere a una bellissima giornata piena di sole in cui ci si accorge dell’addensarsi di nubi che si trasformano in pioggia scrosciante, fino ad una tempesta vera e propria.”

Certo, gli studi oggi ci dicono che una massa di persone non ha un cuore e spesso nemmeno un intelletto, è manipolabile, funziona su principi semplici, emozioni viscerali, comportamenti estremi di cui il singolo sarebbe spesso incapace e vissuti quasi come in trans.
Ma tutto questo non basta a fugare il dubbio che ci sia nel cuore umano qualcosa di distorto, una difficoltà profonda ad accogliere l’amore quando gli viene incontro.

Si intravvede un legame con l’antico rifiuto, quello delle prime pagine della storia umana, in cui i nostri progenitori non si sono fidati del loro creatore.

- Pubblicità -

Ci è voluta l’umanità di Gesù e la sua risurrezione per dire l’ultima parola sul destino dell’uomo, che non può essere incatenato dalla morte.

Produzione Caritas Ticino


Link al video

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 10 Aprile 2022 – Mons. Nazzareno Marconi
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 10 Aprile 2022 – don Fabio Rosini