mons. Vincenzo Paglia – Commento al Vangelo del 27 Giugno 2021

128

otere e della sicurezza della dignità sociale. Si inginocchia e non si vergogna di supplicare aiuto. Le sue parole non sono un lungo discorso ma una preghiera semplice e assieme drammatica. Gesù non pone tempo in mezzo e subito “va con lui”.

Durante il tragitto accade il singolare episodio della guarigione dell’emorroissa. L’evangelista sembra sottolineare che la misericordia del Signore sovrabbonda; essa si riversa su tutti coloro che cercano di mettersi in contatto con Gesù. Il camminare del Signore tra gli uomini non è mai senza effetto. Una donna, affetta da una emorragia ormai da dodici anni senza che i medici abbiano potuto far nulla, è disperata. Pensa che l’unico che può aiutarla sia proprio Gesù. Forse è timida, non vuol farsi notare, e comunque sembra non voler disturbare. Ha tanta fiducia in quel giovane profeta buono che crede sia sufficiente toccargli appena il lembo del mantello per essere guarita. È una fiducia semplice che si esprime in un gesto ancor più semplice. Si fa largo tra la folla e giunge a toccare il lembo del mantello di Gesù. Non è difficile immaginare la sua trepidazione mentre allunga la mano per toccare l’orlo del mantello; non il corpo e neppure la veste. Quale lezione per noi che spesso con noncuranza o troppa abitudine riceviamo il corpo stesso di Gesù!

Quella donna ha pensato di fare tutto nascostamente. Ed in effetti nessuno si è accorto di nulla. Come del resto nessuno si era preoccupato più di tanto della sua malattia. Non così Gesù, che avverte la forza uscita da lui. Si rivolge ai discepoli e chiede loro chi l’ha toccato. Nella loro ottusa ragionevolezza i discepoli gli fanno notare la difficoltà di rispondere a questa domanda: “Tu vedi la folla che si stringe attorno e dici: chi mi ha toccato?”. Gesù volge lo sguardo attorno per cercare chi l’ha toccato. Non c’è anonimato nel contatto con Gesù, non c’è un gregge tutto uguale e senza nome. C’è bisogno di guardarsi, di sentirsi, di parlarsi. Quella donna risponde allo sguardo di Gesù, fissa i suoi occhi negli occhi del giovane profeta e si getta ai suoi piedi. E Gesù: “Figlia, la tua fede ti ha salvato! Va’ in pace e sii guarita dal tuo male”. Da quel momento le cessa il flusso di sangue: è guarita. “La tua fede ti ha salvato” dice Gesù. La fede di quella donna ossia il suo affidarsi a lui spinge Gesù ad operare il miracolo.

È quanto accade anche nella guarigione della figlia del capo della sinagoga. Quando si sparge la notizia della morte della fanciulla, tutti perdono ogni speranza nella sua guarigione e dicono di non disturbare più il maestro di Nazareth. Forse anche Giairo sta per rassegnarsi. I galilei conoscono bene la loro impotenza, non la grande misericordia di Dio. Ma Gesù, che ha già risposto alla preghiera del capo della sinagoga, lo esorta a non perdere la speranza. Si potrebbe dire che esaudisce la sua preghiera oltre le stesse aspettative: lui voleva che la figlia guarisse dalla malattia, Gesù la fa risorgere dalla morte. Avviene sempre così con la preghiera fatta con fede. Gesù dice a quell’uomo disperato: “Non temere, soltanto abbi fede!”. Giunto alla casa di Giairo, di fronte al pianto e alle urla della folla Gesù dice di calmarsi perché la “fanciulla non è morta, ma dorme”. Tutti, come spesso accade di fronte al Vangelo quando va oltre la nostra ragionevolezza, lo prendono in giro e lo deridono. Ma egli caccia via tutti, ed entra con i più intimi nella casa.

Nel linguaggio biblico la morte è intesa come un addormentarsi in attesa del risveglio. I morti perciò giacciono come nel sonno e aspettano la voce stessa del Signore che li svegli. Così Gesù sta davanti alla fanciulla. Ed è lui, Verbo del Padre, che la chiama: “Fanciulla, alzati!”. La prende per mano e la mette in piedi. Sta scritto: il giusto “se cade, non rimane a terra, perché il Signore sostiene la sua mano” (Sal 37,24). “Subito nota l’evangelista la fanciulla si alzò e camminava”: è tornata in vita. La morte non è più invincibile. La misericordia di Dio è più forte. Ed è su questa misericordia che edifichiamo la nostra vita, come l’uomo saggio che edifica la sua casa sulla roccia.


Per gentile concessione di mons. Paglia. Commento tratto dal suo sito.

Articolo precedenteDave Hach – Commento al Vangelo del 27 Giugno 2021
Articolo successivosuor Roberta Vinerba – Commento al Vangelo di domenica 27 Giugno 2021