mons. Vincenzo Paglia – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2020

3
mons. Vincenzo Paglia

Il Vangelo ci presenta Gesù, stanco. Ma non per il cammino che aveva fatto. La sua stanchezza potremmo dire nasceva dal continuo correre dietro di noi per trarci fuori dai guai in cui ci cacciamo, per difenderci dai pericoli ai quali andiamo incontro, per liberarci dai peccati nei quali cadiamo. Aveva anche fame, ma non di pane. I discepoli, dopo aver portato il cibo, gli dicono: “Rabbì, mangia”, ma egli risponde: “Ho da mangiare un cibo che voi non conoscete… Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera”. I discepoli, come al solito, non capiscono. La fame di Gesù era portare a compimento l’opera del Padre.

Gesù aveva sete, ma non tanto di acqua. Quando chiede a quella donna: “Dammi da bere”, Gesù ha sete di salvare quella donna; potremmo dire che ha sete del suo affetto, come del nostro. In genere fuggiamo da questa richiesta di amore e di compagnia così forte e radicale, perché senza dubbio l’amore del Signore è un amore esigente, e scegliamo i nostri piccoli amori, le nostre piccole rivincite. E opponiamo a lui la stessa resistenza che gli oppose quella donna samaritana: “Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana?”. In realtà quella richiesta di Gesù superava già un muro. Egli parlava con una donna, per di più samaritana. Un proverbio rabbinico insegnava: “Chi mangia pane dei samaritani è come uno che mangia carne di cane”.

La donna è scossa dalla richiesta di Gesù, ma non comprende l’energia di amore che è nascosta dietro quelle parole: “Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: “Dammi da bere!”, tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva”. Dio amava quella donna quando era ancora lontana; ma lei non se n’era accorta. La sua vita, segnata dalle delusioni e dai tradimenti, forse non le dava più speranza alcuna. Era la storia dei cinque mariti. Ormai non credeva molto negli altri e non aveva neppure tanta fiducia in sé. Come poteva averla in uno straniero? Non aveva capito che era Dio a parlarle in quel giudeo stanco e assetato e senza neppure uno strumento per prendere l’acqua. “Da dove prendi dunque quest’acqua viva?”, gli chiede rassegnata e scettica. Per lei, abituata alla durezza della vita, la parola non contava più, non cambiava l’esistenza, non dava la vita. Quella donna è molto simile a noi. La sua vita era piena di tradimenti e problemi. Era diventata una donna dura, costretta a difendersi e a rispondere in maniera aggressiva (“Come mai tu chiedi da bere a me?”).

Aggressiva per non ammettere le delusioni ed il fallimento. Lo faceva con tutti; anche con quell’estraneo che gli parlava con semplicità ed in maniera diretta. Era una poveretta, con una vita complicata, che doveva percorrere un lungo itinerario per andare a prendere l’acqua. Era una donna forte della sua esperienza, che pensava di conoscere già la vita. I suoi giudizi erano rapidi.

Che poteva fare quell’uomo senza mezzi, debole e che non aveva nulla per prendere l’acqua? Lei non credeva più a niente, solo alla sua brocca, alla sua fatica, a quello che vedeva e toccava con le sue mani. Il Vangelo è un sogno fuori dalla realtà! Per lei scettica, materialista, abituata alla durezza della vita, le parole non contavano più. Ma era anche furba. Quando Gesù le parlò di un’acqua diversa, per cui non avrebbe più avuto sete e non sarebbe stato più necessario camminare fino al pozzo, cercò subito la sua convenienza. Voleva prendersi qualcosa del Vangelo senza cambiare nulla. Desiderava cogliere quest’opportunità, ma restare quella di sempre. L’incontro con Gesù è personale. Tocca il cuore. Gesù l’aiutò ad essere se stessa. “Io non ho marito”, disse. Non raccontò tutto di sé. Gesù non l’aggredì, non la umiliò in una descrizione imbarazzante del suo peccato, della sua storia di tanti amori cercati e traditi. Le spiegò, con sensibilità, tutta la sua vita. La verità è Gesù. Proprio questo colpì la donna: essere capita, conosciuta così com’era ed essere amata! Non è una legge o un giudizio che cambia i cuori, ma il lungo e insistente incontro con quell’uomo che parlava con libertà e amore. Lasciamoci dire da lui tutto quello che abbiamo fatto! E diventeremo una fonte, nell’aridità della vita. Parleremo a tanti con la meraviglia di quella donna di Samaria di qualcuno che ci ha parlato con amore!

La Chiesa, diceva Papa Giovanni, è come la fontana in un villaggio: è per tutti, e tutti possono avvicinarsi per prendere l’acqua dell’amore e della consolazione. Sia così anche per i nostri cuori, possessivi e peccatori, ma conosciuti, amati e perdonati dal Signore, uomo assetato che cammina e chiede amore. Il Signore c’insegni ad essere fonte d’amore, servendo chi ha sete. Così troviamo l’amore che non finisce e che toglie la nostra sete.

Fonte

Salva

Salva