Missionari della Via – Commento alle letture di domenica 6 Marzo 2022

224

- Pubblicità -

Entriamo nel tempo di Quaresima “equipaggiandoci” per la lotta spirituale alla quale siamo chiamati… certi di poter vincere, uniti a Gesù!

Il commento alle letture di domenica 6 marzo 2022 a cura dei Missionari della Via.

- Pubblicità -

La prima domenica del tempo di Quaresima incontriamo il brano delle tentazioni di Gesù. Ci viene così ricordato che anche noi abbiamo un nemico che ci insidia e tanto più vogliamo veramente “fare deserto” e prendere seri propositi per seguire Cristo, tanto più cerca di metterci “i bastoni tra le ruote”.

Gesù ha appena ricevuto il battesimo come “consacrazione” e investitura ufficiale. Inizia dunque la sua missione. Prima di partire per le strade, deve trascorrere un tempo nel deserto, affrontando, come a suo tempo il popolo di Israele, prove e tentazioni, vincendole.

Le tentazioni subite da Gesù riguardano il modo in cui svolgere la sua missione e il suo messianismo e ci offrono criteri preziosi per affrontare le tentazioni quotidiane.

- Pubblicità -

Il tentatore attacca Gesù alla fine dei quaranta giorni, quando ha fame. Non è a caso: come un astuto condottiero militare, attacca l’avversario nel momento in cui sembra più debole e sguarnito.

Il suo primo attacco è mirato al distogliere Gesù dal suo fine, presentandogli come primari i suoi bisogni fisici (la fame), invitandolo a usare “il suo potere” per fini egoistici: «Cambia le pietre in pane e mangia». E non solo, rincara pure la dose dicendo: «se sei figlio di Dio…». Quante volte questa tentazione ci ha ingannati: stai studiando, lavorando, maturando qualcosa di serio? Stacca, pensa a divertirti un po’… Usa, prendi, esagera, tanto che fa… Manipola la realtà a tuo uso e consumo. Se una cosa ti va, falla, tanto… Non è forse quello che sta accadendo anche oggi? In (buona) parte della società, si cerca su tutto la verità della persona umana, dell’educazione, o si cerca di “spostare ideologicamente” le persone da una parte e dall’altra? Si cerca la verità o il vantaggio (di pochi)?

La seconda tentazione verte sul potere. Il diavolo offre un potere sui regni di questo mondo ad un prezzo: adorarlo. Il potere mondano ha un prezzo: adorare il male, prostrandosi alle sue logiche egocentriche e menzognere, voltando le spalle alla verità. Se ciò che conta è il mio potere egoistico, da esercitare predominando sugli altri e a discapito degli altri, non guarderò in faccia a nessuno, non mi chiederò cosa è davvero bene, non mi lascerò profondamente mettere in discussione. Vuoi questo potere? Eccolo, ma ad un prezzo: che rinunci ad essere veramente te stesso, quell’originale meraviglioso che Dio ha sognato, preferendo morire da fotocopia! (cf B. Carlo Acutis).

Infine, la terza tentazione verte sulla visibilità e sul rapporto distorto con Dio. Il diavolo insinua: fa’ che tutti ti acclamino e “piega” Dio a fare quel che vuoi tu. Tanto sei suo figlio! Non siamo più noi a seguire Dio, ma Dio deve seguire noi, come se fossimo il centro della realtà. Tutto dev’essere come dico io, come voglio io, tutto deve andare come ho progettato io e Dio deve solo benedire le mie iniziative. Risultato? Vivere da schiavi, schiavi del proprio “io”; schiavi che schiavizzano gli altri, ridotti a meteore del proprio “ego planetario”.

Quali sono le risposte di Gesù? Brevi e intense: sono versetti della parola di Dio. Nostro Signore non dialoga con il tentatore e taglia corto. Con la tentazione non c’è da dialogare! Tra l’altro è troppo poco, troppo banale quel che propone. C’è un cibo migliore del piacere arraffato, che si chiama “volontà di Dio”. C’è uno solo che va adorato, capace di salvare e trasfigurare la vita; c’è uno solo a cui vale la pena obbedire, nell’obbedienza del quale c’è vera libertà: Dio!

Chiediamo al Signore la grazia e la forza di riconoscere le tentazioni nella nostra vita e di saperci opporre con fermezza, trasformando così l’opera del tentatore in occasioni di maturazione!

Preghiamo la Parola

Signore, donami la grazia di riconoscere le insidie del Nemico ed oppormi con forza, cercando Te e la comunione con Te in ogni cosa.

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Vigilo sulla mia interiorità? Cerco di discernere prima di agire?

CARITA’: Testimonianza di vita

Su quale punto desidero lavorare su me stesso/a in questa Quaresima?

Sito web


Articolo precedentedon Roberto Fiscer – Commento al Vangelo per bambini di domenica 6 Marzo 2022
Articolo successivoEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 6 Marzo 2022