Missionari della Via, Commento alle letture di domenica 3 Gennaio 2021

83

La prossima domenica avremo la grazia di soffermarci sul prologo del Vangelo secondo Giovanni. Un’occasione propizia per entrare sempre più in profondità nel mistero del Natale appena celebrato…

Il commento alle letture di domenica 3 gennaio 2021 a cura dei Missionari della Via.

La seconda domenica dopo Natale ci permette di ritornare sul prologo del Vangelo secondo Giovanni. È un testo che va letto e riletto con calma, affiché parli chiaramente al nostro cuore. Ognuno può soffermarsi dove si sente più attratto e maggiormente consolato. In questa breve riflessione vogliamo cogliere solo due spunti. Anzitutto questo testo canta la rivelazione piena di Dio in Gesù: «Dio nessuno lo ha mai visto, ma suo figlio ce lo ha rivelato». Dio aveva cominciato a rivelarsi al popolo di Israele e in Gesù si compie la sua rivelazione. Egli ci ha rivelato “come è” Dio in sé: è Padre e Figlio e Spirito Santo, tre persone, un solo Dio, unità perfetta, comunione semplice: è amore continuo, creativo, oblativo, fedele e fecondo. In quest’amore che circola siamo chiamati a immergerci anche noi, a lasciarlo entrare in noi. Come? «A quanti lo hanno accolto, Egli (Gesù) ha dato potere di diventare figli di Dio». Si tratta dunque di accogliere Gesù per mezzo della fede; con il battesimo siamo stati “innestati” in Dio, resi partecipi di Lui. E questa comunione si alimenta e si accresce vivendo in relazione con Lui, cercando la sua volontà, incontrandolo nei sacramenti, specie nell’Eucaristia.
 

Ecco la grandiosità del Natale: Dio si fa uomo, si fa piccolo per farci come Lui, per renderci partecipi di Lui, una cosa sola con Lui. Non serve aggiungere altro. Serve solo fermarsi a meditare, a contemplare tutto ciò. È la grandezza a cui siamo chiamati e di cui siamo resi partecipi. Sempre se lo vogliamo… 

Augurio (di K. Hemmerle)

Ogni essere umano è una finestra: la splendida, grandiosa finestra
di una cattedrale.
Ma cos’è una finestra così senza luce?
A Natale la luce si è levata.
A Natale è nato Colui che illumina la mia vita, anche quando non vi trovo che tenebre.
Voglio porla, questa vita, nella Sua luce, e la finestra s’infiammerà di colori
e molti vedranno la luce!

Preghiamo la Parola

Signore, fa’ che possa accoglierti con sempre maggior desiderio, per diventare sempre più una cosa sola con te!

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Come ho vissuto il Natale? Sto cercando di vivere con più intensità il rapporto con Gesù e con la comunità?

CARITA’: Testimonianza di vita

Gesù è venuto a renderci figli di Dio. Cerco di essere sua trasparenza nel mondo? Man mano sto cercando di vivere secondo il Santo Vangelo?

Sito web


Articolo precedenteFabio Quadrini – Commento al Vangelo di domenica 3 Gennaio 2021
Articolo successivoDon Domenico Repice – Commento al Vangelo del 1 Gennaio 2021