Missionari della Via, Commento alle letture di domenica 28 Febbraio 2021

9
Questa domenica siamo chiamati a lasciarci purificare da tutti quegli attaccamenti disordinati che abbiamo nel cuore, per vivere come figli della luce.

Il commento alle letture di domenica 28 febbraio 2021 a cura dei Missionari della Via.

Siamo in cammino verso la Pasqua e la parola di oggi ci offre degli spunti per viverla sempre più. Gesù sale a Gerusalemme per celebrare la Pasqua dei Giudei e si reca al Tempio. Il Tempio era considerato il luogo della presenza stabile di Dio sulla Terra dunque luogo di culto, di preghiere, di offerte di beni e sacrifici animali a Dio, secondo la religiosità del tempo. Gesù assiste a un triste spettacolo: il commercio e la sete di denaro avevano reso questo luogo un mercato e compie un gesto profetico. Fa una frusta di cordicelle, scaccia tutti fuori e rovescia i tavoli dei cambiavalute dicendo: «non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato».

Gesù manifesta così il suo zelo, il suo amore per il Padre. Ci insegna una santa fermezza contro il male in tutte le sue forme. Fermezza che a volte non abbiamo; a volte siamo persino indifferenti davanti al male o, se lo vediamo, ci limitiamo a criticare, senza muovere un dito per contribuire a migliorare le cose. E soprattutto il Signore viene a purificare il nostro rapporto con Lui. Quanti si professano monoteisti ma in realtà non lo sono? Cioè continuano ad avere un cuore legato a tante altre piccole “divinità”, che sia l’attaccamento ai soldi, al benessere, alla propria immagine, alla carriera; che siano disordinati legami affettivi. Dio è Dio e va amato, temuto, rispettato.

Gesù non si ferma qui. Vuol condurre chi lo ascolta, compresi noi, ad una comprensione più profonda del suo mistero. Davanti al suo agire i Giudei gli chiedono: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Gesù non offre segni immediati, ma anticipa il segno per eccellenza, ovverosia la sua risurrezione: «Distruggete questo Tempio e in tre giorni lo farò risorgere». È chiaro il motivo per cui i Giudei frainteso quello che diceva Gesù, pensavano si riferisse al Tempio di pietra nel quale si trovavano. L’evangelista spiega che Gesù invece parlava del Tempio del suo Corpo. È Gesù il Tempio di Dio cioè il “luogo” della presenza di Dio sulla terra. È nel Signore risorto che noi possiamo far esperienza piena di Dio. E la Chiesa è il «corpo di Cristo»; per mezzo del Battesimo ognuno di noi è stato “innestato” in questo corpo, siamo sue membra: ognuno di noi è Tempio dello Spirito Santo.

Cosa significa? Che il Signore viene anche a ricordarci di non fare del nostro cuore un mercato, un bazar dove regna il caos. Ci invita a non dare il cuore a chi non lo merita, di non legarci disordinatamente ad affetti, cose, persone; a non soffocarci in tante preoccupazioni inutili, in ansietà per cose di poco conto. Spesso siamo frammentati, scissi; passiamo da una cosa a un’altra, ne facciamo una (male) e ne pensiamo già altre cinque e così via. Lui viene a unificare la nostra vita, a semplificare, a riordinarci con la sua parola e il suo Spirito. Sì, Lui è con noi, la sua presenza rischiara, rasserena, purifica risana. Lasciamoci dunque rinnovare da tanta grazia.

Preghiamo la Parola

Signore, rinnova il mio cuore,
perché possa essere tua gradita e limpida dimora

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Posso dire che “al centro del mio cuore ci sei tu” Gesù? Oppure sono eccessivamente attaccato a me stesso, a qualcosa, a qualcuno?

CARITA’: Testimonianza di vita

Mi do da fare per migliorarmi e migliorare la realtà che mi circonda? O spesso mi ritrovo a criticare senza muovere un dito?

Sito web