Missionari della Via, Commento alle letture di domenica 19 Luglio 2020

312

Il commento alle letture di domenica 19 Luglio 2020 a cura dei Missionari della Via.

Meditiamo la Parola

Nel Vangelo di questa domenica ci vengono presentate le parabole raccolte da Matteo nel capitolo tredicesimo. Gesù nelle sue parabole (oscure alla folla ma spiegate in disparte a chi vuol capire) fa ricorso a delle immagini di vita concreta. Nella parabola della zizzania possiamo dare una chiave di lettura doppia.

Parlando ai discepoli che gli chiedono il senso della parabola Gesù dice che il campo è il mondo, il grano buono è stato piantata da Lui e la zizzania dalle persone che vediamo intorno a noi, possano cambiare diventando grano! Quante volte abbiamo assistito a cambiamenti, a conversioni di persone che dal buio sono passate alla luce, dal peccato alla grazia. Quante testimonianze abbiamo di persone che in passato hanno vissuto nell’egoismo e poi sono giunte fino a dare la vita per gli altri! Come non pensare a tutti i pubblicani e peccatori che Gesù ha incontrato e chiamato, compreso qualche apostolo. Il cammino cristiano non parte dalla perfezione ma in modo graduale si avvicina sempre più al Signore, in un cammino comunque mai veramente compiuto.

«L’atteggiamento del padrone è quello della speranza fondata sulla certezza che il male non ha né la prima né l’ultima parola. Ed è grazie a questa paziente speranza di Dio che la stessa zizzania, cioè il cuore cattivo con tanti peccati, alla fine può diventare buon grano. Ma attenzione: la pazienza evangelica non è indifferenza al male; non si può fare confusione tra bene e male! Di fronte alla zizzania presente nel mondo il discepolo del Signore è chiamato a imitare la pazienza di Dio, alimentare la speranza con il sostegno di una incrollabile fiducia nella vittoria finale del bene, cioè di Dio» (Papa Francesco).

Ma non vi è solo la zizzania che sta intorno a noi e che spesso vediamo più facilmente, vi è anche quella nel nostro cuore. Padre Giovanni Vannucci, uno dei massimi mistici del ‘900, diceva: «il nostro cuore è un pugno di terra, seminato di buon seme e assediato da erbacce; una zolla di terra dove intrecciano le loro radici, talvolta inestricabili, il bene e il male». Vediamo qualche germoglio di bene, ma spesso il male sembra prendere il sopravvento nella nostra vita. Spesso ci scoraggiamo, pensiamo di non essere in grado di cambiare su certi aspetti, a volte si diventa così pessimisti da giungere anche alla disperazione. Ma «la parabola ci invita a liberarci dai falsi esami di coscienza negativi, dallo stilare il solito lungo elenco di ombre e di fragilità, che poi è sempre lo stesso. La nostra coscienza chiara, illuminata e sincera deve scoprire prima di tutto ciò che di vitale, bello, buono, promettente, la mano viva di Dio ha seminato in noi: il nostro giardino, l’Eden affidato alla nostra cura» (Enzo Bianchi). Coraggio dunque, camminiamo, non perdiamo mai la speranza perché la speranza non delude mai!

Preghiamo la Parola

Aiutami, Signore, ad essere seminatore di bene e di speranza, piuttosto che seminatore di zizzania e pessimismo

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Mi ritaglio del tempo per esaminare la coscienza? Cerco di far attenzione a quali pensieri e sentimenti coltivo in me?

CARITA’: Testimonianza di vita

Cerco di essere paziente con me e con le persone che ho accanto? O mi faccio prendere troppo facilmente dalla pretesa del “tutto e subito”?

Sito web


Immagine by Benjamin Sz-J. from Pixabay