Missionari della Via, Commento alle letture di domenica 14 Giugno 2020

157

Il commento alle letture di domenica 14 Giugno 2020 a cura dei Missionari della Via.

Meditiamo la Parola

Questa domenica celebriamo la solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo ovverosia del meraviglioso sacramento dell’Eucaristia, dono immenso di Dio. A Dio infatti non è bastato farsi uomo in Gesù e morire per amor nostro, ma pur di stare con noi e in noi, si continua a rendere presente in un piccolo pezzettino di pane, che dopo la consacrazione non è più tale, ma reale presenza di Cristo. Proprio come Lui ci ha detto nell’ultima cena:

«Prendete e mangiate, questo è il mio corpo». Che mistero d’amore! Dio presente in poco pane. Una vera sfida anche alla nostra smania di grandezza. Che cosa accade quando ci nutriamo dell’Eucaristia? Che Cristo ravviva in noi la sua presenza, infondendo in noi le sue disposizioni, sentimenti. Egli ci assimila a sé, unendoci più strettamente a sé. Sant’Agostino faceva un esempio: in natura colui che mangia assimila ciò che mangia, trasformandolo in un certo senso in se stesso.

Nell’Eucaristia avviene l’opposto: è l’uomo che mangia, ma è Dio che ci assimila a sé. Ecco perché Gesù nel Vangelo di oggi ci dice: «chi mangia il mio corpo… ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno». Quella comunione già oggi ricevuta e vissuta non si spezzerà neanche nell’ora della morte, anzi, arriverà alla sua definitività. Per questo è fondamentale non staccarci dall’Eucaristia, unico vero cibo per la nostra anima, come amava dire il Santo Curato d’Ars: «Mentre il corpo ha tanti cibi, l’anima ne ha solo uno: Dio stesso!». Ora, proprio perché lì riceviamo Dio, è importante anche la disposizione con cui lo riceviamo. L’eucaristia infatti non opera in noi magicamente, indipendentemente dalla nostra volontà. Essa porta frutto nella misura della nostra disponibilità interiore. Essa è “comunione” con Dio e la comunione con Dio perdura nel quotidiano, nelle scelte di vita di ogni giorno. Non serve andare a messa e ricevere Gesù, se poi Gesù è fuori dalla mia vita. Sarebbe come dare un bacio ad una persona cara mentre le pesto i piedi!

Inoltre quella comunione non ci unisce solo a Dio, ma unisce anche tutti quelli che la ricevono. La partecipazione all’unico pane ci rende un unico corpo, ci unisce tra noi. Come i raggi della ruota della bicicletta, tutti convergiamo a Cristo e in lui siamo uniti. Perciò sarebbe ingannevole ricevere il corpo di Cristo se poi non vogliamo saperne degli altri, se non siamo disposti a prenderci cura del suo corpo sulla terra che è il nostro prossimo. Siamo chiamati a riconoscere Cristo presente nell’Eucaristia e al tempo stesso a riconoscerlo e servirlo nel nostro prossimo. Questo è duro da capire. È tanto facile sospirare davanti all’Eucaristia quanto è difficile non sbuffare davanti alla richieste, alle difficoltà, alle fragilità di chi abbiamo accanto. Eppure anche lì c’è Gesù: nel vicino di casa, nell’anziano, nell’uomo ridotto sul lastrico, nel bambino rom, nello straniero, nel malato grave… Oggi è dunque la festa della “comunione”: comunione con Dio, comunione con gli altri. Che la solennità di oggi possa davvero aprirci gli occhi sul mistero della presenza di Dio in mezzo a noi, nascosto sì, ma non troppo…

Preghiamo la Parola

Signore, apri i nostri occhi, perché possiamo vedere e credere al tuo amore per noi!

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Amo, adoro, venero la presenza di Gesù nell’Eucaristia? Ho a cuore l’incontro domenicale con Lui?

Cerco di vivere in comunione con Cristo, meditando quotidianamente e custodendo nel cuore la Sua Parola?

Cerco di vivere la comunione con gli altri?

CARITA’: Testimonianza di vita

Annunzio agli altri l’amore di Dio?

Sito web


Immagine by Benjamin Sz-J. from Pixabay