Missionari della Via – Commento alle letture di domenica 12 Dicembre 2021

140

Pace e bene,questa domenica riscopriamo le gioia nelle cose semplici: scegliere il bene possibile vivendo in comunione con Dio…

Il commento alle letture di domenica 12 DICEMBRE 2021 a cura dei Missionari della Via.

In questa terza domenica di Avvento Giovanni il Battista ci dà delle indicazioni pratiche per disporci ad accogliere e seguire con intensità crescente il Signore che viene. Potremmo anche dire: come faccio a vivere in modo significativo questo tempo e prepararmi bene al Natale (e anche all’incontro finale con il Signore…)? E vista la domenica della gioia: come posso vivere nella gioia?

Come vedete, Giovanni parte da un livello “base” (che poi tanto base non è!). Si parte dall’orientare al bene la propria vita. Vediamo un po’ le sue tre indicazioni: «Chi ha due tuniche ne dia una a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto».

Primo punto: Giovanni dice alle folle di fare giustizia. Si parte da qui. Un buon modo per dissodare la terra del cuore è l’elemosina e la condivisione. I beni mi servono per vivere bene e far vivere bene. L’abbondanza mi ricorda che sono chiamato ad essere strumento della Provvidenza per altri.

Secondo: Giovanni dice ai pubblicani (esattori delle tasse del tempo):

«Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato». Non esigere. Metti un freno ai tuoi appetiti. Lascia perdere la bramosia del di più che può portarti fuori strada. Quante guerre, quanta sofferenza, quante liti, quante famiglie divise, quanto tempo rubato agli affetti per la bramosia del di più.

Terzo: ai soldati disse: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe». Non maltrattare nessuno e non estorcere con la forza le cose. Non usare la forza e il tuo potere contro gli altri ma per servirli. Applichiamo questo principio al nostro quotidiano: non maltrattare chi hai accanto. È segnaposto di Dio, è sua creatura, che vale il suo sangue. Smettila di dire a tua moglie che non capisce, a tuo marito che è un buono a niente, a tuo/a figlio/a che è un incapace. Basta sfogare la rabbia scagliando frecce amare. Riscopri l’arte della delicatezza, della stima, cominciando da quelle famose tre parole che il Papa ci ripete spesso: “posso? Scusa, grazie!”. E accontentatevi. Siate contenti di ciò che siete e che avete. Una cosa che aiuta molto in questa dimensione è la gratitudine. Iniziare e concludere le giornate pregando e iniziare a pregare lodando e ringraziando. Santa Chiara morì dicendo: «tu sia lodato per avermi creata».

A queste prime indicazioni segue poi un annuncio forte del Battista, di matrice veterotestamentaria, che possiamo cogliere in tutta la sua bellezza alla luce del Nuovo Testamento.

Annuncia uno che battezza, che ti immerge nello Spirito Santo, uno che ti porta dentro la vita stessa di Dio. Si tratta di qualcosa di meraviglioso, di immenso, che io da solo non posso darmi. Io posso lavorare su di me, prendere contatto con la mia interiorità, cercare di migliorare atteggiamenti, abitudini ma non posso darmi una vita nuova. La vita di Dio è un dono che si accoglie per mezzo della fede in Cristo.

E ancora: Giovanni annuncia uno che mi vaglia e che mi passa attraverso il fuoco. Usa l’immagine dello scuotere il grano con la pala, come era l’antica maniera per pulire il grano con il ventilabro, una sorta di forcone che serviva per tirarlo all’aria, in modo che ricadendo la pula si distaccasse dai chicchi. Cristo, per mezzo della sua parola e del suo Santo Spirito, viene a purificare la nostra interiorità, liberandoci dalle incrostazioni del male. Vedete, c’è seminata un ciascuno di noi una bellezza immensa, l’immagine e la somiglianza di Dio. Ma sopra questa bellezza, ecco tanta paglia: attaccamenti disordinati, atteggiamenti egoistici, maschere e strutture formatesi negli anni, ferite irrisolte… ecco, Cristo viene a tirar fuori la bellezza che è seminata in noi, purificando la nostra interiorità. Non siamo condannati a vivere nella mediocrità. Aprendo il cuore a Lui possiamo diventare un “capolavoro di santità!”.

Lasciamo che queste indicazioni illuminino il nostro quotidiano, riscoprendo la gioia nel vivere in comunione con Dio, scegliendo il bene nelle piccole-grandi occasioni di ogni giorno.

Preghiamo la Parola

Signore, vieni, converti e purifica il mio cuore, perché io sia trasparenza della tua bellezza!

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Da quale attaccamento disordinato o atteggiamento egoistico chiedo di essere liberato?

CARITA’: Testimonianza di vita

Su quale aspetto della mia vita desidero cambiare?

Sito web


Articolo precedenteMissio Ragazzi – Commento alle letture di domenica 12 Dicembre 2021 per giovani
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 12 Dicembre 2021 – don Andrea Vena