Luigino Bruni – Commento al Vangelo di domenica 8 Agosto 2021

129

Quelle parole che possono distruggere

Continua il racconto della crisi del rapporto tra Gesù e la sua comunità scatenata da una nuova rivelazione della sua persona, dopo il grande miracolo dei pani e dei pesci. Ricorrendo al simbolismo del pane, Gesù si presenta come «pane vivo disceso dal cielo», un pane che diversamente da quello fatto col frumento e della stessa manna, se mangiato dona la vita eterna. L’evangelista Giovanni, con il suo tipico vocabolario e la sua teologia, ci fa entrare nella morfologia di questa crisi.

Gesù fu conosciuto dai suoi discepoli poco alla volta. Alcuni degli apostoli lo avevano incontrato quando ancora si trovava tra i discepoli di Giovanni Battista, nel deserto. Poi lo avranno visto in molti battezzare nel Giordano, e avranno pensato che fosse uno dei tanti riformatori e predicatori di quel tempo di crisi sociale e di primavera religiosa in Palestina. Altri lo avranno conosciuto quando era con i suoi in Galilea, conoscevano i suoi genitori, la sua famiglia. A un certo punto Gesù chiede a tutta questa gente di lasciare quella prima conoscenza “nella carne” e iniziare una conoscenza nuova “nello spirito”. E qualcosa non funzionò: molti non accolsero questa nuova natura del Cristo.

Il Vangelo di oggi ci fa conoscere un fenomeno tipico di questi momenti di disvelamento della vera natura di un fondatore e della sua tipica crisi: le mormorazioni. Chi stava attorno a lui, quelli che lo guardavano da lontano ma anche alcuni di quelli più vicini, iniziano a chiacchierare. Nascono varie teorie e ipotesi sul rapporto tra il primo Gesù e il nuovo che si sta rivelando, e sorgono dubbi sulle domande fondamentali. […]

Continua a leggere il commento su Famiglia Cristiana.

Articolo precedenteCommento al Vangelo per bambini di domenica 8 Agosto 2021 – don Roberto Fiscer
Articolo successivoCommento al Vangelo del 8 Agosto 2021 – S.E. Mons. Mario Russotto