Luigino Bruni – Commento al Vangelo di domenica 7 Marzo 2021

201

La salvezza non si può comprare

La cacciata dei mercanti dal tempio di Gerusalemme è un episodio che Giovanni colloca proprio all’inizio della vita pubblica di Gesù, perché vuole dirci qualcosa di estremamente importante per capire la novità del Vangelo.

Dietro questa scena c’è una citazione del profeta Geremia, che ci aiuta a capirlo correttamente. Ecco la frase di Geremia: «Questa casa, sulla quale è stato invocato il mio nome, è dunque diventata una spelonca di ladri?» (Ger 7,10). In Geremia non sono i mercanti a essere chiamati ladri, ma il popolo intero che tende invincibilmente a fare della fede un mercato, a commettere ogni tipo di peccato e poi pagare il prezzo del perdono offrendo i sacri‡ci al tempio.

Ancora ai tempi di Gesù, all’ingresso del tempio si scambiavano le monete romane (idolatre, a causa dell’ef‡figie di Cesare) con monete lecite con cui comprare animali per offrire sacri‡fici a Dio: il mercato sbagliato era dunque la stessa religione basata sui sacri‡fici. Per la Bibbia è la visione commerciale della religione che trasforma immediatamente il tempio in una spelonca di ladri. Senza i profeti, tutte le religioni si trasformano in commerci di offerte, voti, preghiere, indulgenze e penitenze che vorrebbero pagare il prezzo delle nostre cattiverie: lo abbiamo sempre fatto, continuiamo a farlo. Più i peccati diventano efferati, più alto diventa il prezzo dell’espiazione, ‡fino a sacri‡care i nostri fi‡gli: «Hanno costruito le alture di Tofet nella valle di Ben-Innòm, per bruciare nel fuoco i loro ‡gli e le loro fi‡glie» (Ger 7,31). [… continua al leggere il commento su Famiglia Cristiana …]

Articolo precedentedon Paolo Squizzato – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2021
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2021