Lucia Vantini – Commento al Vangelo di domenica 19 Settembre 2021

102

Le parole di questo brano evangelico intrecciano tre silenzi molto diversi tra loro. All’inizio c’è il silenzio richiesto da Gesù ai suoi discepoli. Il maestro non vuole che si venga a sapere del loro cammino in Galilea, perché spera di trovare l’intimità necessaria alla verità della loro missione, perturbata dalla diffidenza di Nazaret, dalle incomprensioni delle autorità religiose e dall’ostilità crescente di uomini pronti a tutto.

È arrivato il momento di smetterla con i sogni sbagliati: l’ombra della croce si è fatta densa. C’è giusto il tempo per tentare di capirne il senso alla luce di ciò che Gesù ha provato, detto e fatto.

Nello spazio di questo silenzio si dà un segreto impenetrabile che Gesù prova continuamente a spartire: il suo destino si chiuderà nella violenza ma si riaprirà dopo tre giorni, nella risurrezione. Questo tragico e paradossale annuncio provoca il secondo silenzio. È il silenzio dell’incomprensione, della resistenza e della paura. Un silenzio forse giustificato e comunque molto umano. […]

Continua a leggere tutto il commento sul sito dell’Osservatore Romano.

Commento a cura di Lucia Vantini, docente di filosofia e di teologia fondamentale a Verona, presso l’Istituto di Scienze Religiose e presso gli Studi Teologici San Zeno e San Bernardino.


Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 19 Settembre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 19 Settembre 2021 – don Giovanni Berti (don Gioba)