Luca Rubin – Commento al Vangelo di domenica 29 Marzo 2020

148

Leggendo questa pagina di vangelo mi pare di scorgere dei segnali indicatori, (➡) una sorta di percorso a vari livelli, un po’ come nei videogiochi, con una differenza: nei videogiochi, più avanzi e più l’azione diventa difficile, mentre qui, nel vangelo, come nella vita, tutto è amalgamato e connesso, senza un apparente legame. Qui trovi una mappa: prendila, perché senza di quella ci perderemo.

➡ Lazzaro era malato 🤕

Il vangelo si incontra sempre con la vita umana, non è un libro di favole, dove tutto va bene, dove tutto è idealizzato. L’incarnazione è la regola di tutto l’agire di Dio, e in questa concretezza non viene evitato il male, il negativo, la cosa storta. Lazzaro, no dei più grandi amici di Gesù, era malato. Gesù si muove proprio a causa di questa sofferenza, non è indifferente o insensibile (lo vedremo bene in una prossima tappa). Poiché il vangelo lo stiamo leggendo noi, al posto di Lazzaro mettiamo il nostro nome, inizio io: Luca era malato. Come cambiano le cose! Non è una storiella! Fa piacere notare come Gesù si mette in cammino per me, viene a trovarmi, a visitarmi (non pensare subito al miracolo). Gesù cammina verso di me per essere vicino a me, fisicamente.

Sotto al cartello c’è un’indicazione ulteriore: “Questa malattia non porterà alla morte, ma è per la gloria di Dio. Tutto ciò che vivi non è per la tua distruzione, ma, anche solo a un livello puramente umano, puoi trarne dei benefici, o quantomeno puoi imparare qualcosa. Qui Gesù dice qualcosa di più: il male che stai vivendo sarà il modo per conoscere e riconoscere Dio, perché, ok fai già un cammino, preghi, vai in chiesa, ma è nel momento della prova che le tue braccia si fanno lunghe lunghe verso il cielo, è di notte che cerchi un po’ di luce, fosse anche solo un fiammifero. La tua malattia ti farà incontrare col vero te stesso, senza sconto alcuno, e con il vero Dio, non quello precotto che talvolta ci costruiamo. In questo faccia a faccia non c’è posto per la morte, o almeno non per sempre.

➡ Gesù amava Marta e sua sorella e Lazzaro 🥰

Un elemento che illumina meravigliosamente tutta questa pagina è il clima di amicizia e di affetto nel quale si svolgono gli eventi. Gesù, Figlio di Dio sa amare, vive delle emozioni, prova affetti e sintonie, ed è amato. L’amore non solo è l’irrinunciabile sostegno nelle ore più buie, ma è il senso di ogni vita, è il terreno fecondissimo nel quale qualsiasi seme germoglierà e porterà frutto. Anche qui c’è una conferma al cartello, già molto eloquente: «Guarda come lo amava!» L’amore è concreto, lo puoi constatare, vedere, toccare, e la prova del 9 è la constatazione dall’esterno, una constatazione ottica, visiva, che fanno i Giudei: guarda, guarda come lo amava!

➡ Lazzaro è morto ☠

Davanti alla morte non ci sono tanti discorsi da fare, il silenzio è la ciotola che contiene lo sgomento e il dolore, sempre, a maggior ragione se si tratta di un caro amico. In questo caso, è Gesù a darne la notizia, prima velatamente, attraverso una metafora, poi in modo chiaro e inequivocabile. La morte è una realtà così terribile e temibile che cerchiamo di smorzarne i toni anche nel linguaggio: “è mancato, è spirato, se n’è andato” …

Gesù, pur soffrendo indicibilmente, non fugge dall’incontro con la morte, di Lazzaro, di se stesso, di me e di te. Si mette in cammino per essere presente anche in quel momento dove sembra regnare il nulla. Solo attraversando la valle desolata della morte puoi andare in cerca della vita, per te stesso, per quelle zone di te che rischiano la necrosi, perché non accettate, non amate, non nutrite, non. Gesù viene da te per essere portato proprio là dove tu non vuoi metterci piede. Con Lui puoi farcela, un passo dopo l’altro.

➡ Marta gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa 🔀

Ognuno vive in modi diversissimi la stessa situazione, non c’è un modo giusto e uno sbagliato, ma ci sono caratteri e temperamenti diversi che reagiscono in modi altrettanto diversi. Marte esce di casa e corre incontro a Gesù; se ricordi è lei la sorella che si affanna in molti servizi, quando Gesù viene accolto, e sempre lei vive la situazione “di corsa”, in modo molto dinamico. Maria invece rimane seduta, in casa.

In questa diversità cogliamo l’attenzione di Gesù, che trova modo e tempi per incontrare ciascuno. Se Marta va incontro a Gesù, Gesù va incontro a Maria, la chiama, e anche lei riceve un’indicazione precisa, da far invidia al navigatore più preciso: “il Maestro è qui e ti chiama”. Solo allora Maria si alza e va incontro a Gesù. Pur nella tragicità degli eventi, Dio trova il modo e il tempo per raggiungere ciascuno, rispettoso della sensibilità personale di ognuno.

➡ Tuo fratello risorgerà 🌱

Oltre la morte non c’è niente. Questa è l’esperienza della nostra umanità, che arriva al limite invalicabile, oltre al quale non sa andare. Marta risponde a queste parole nello stesso modo nostro, spostando il problema nell’aldilà: sì, ok, in paradiso andrà tutto bene, grazie per aver provato a consolarmi. Gesù in realtà non tira fuori dal frigo una frase fatta, ma inserisce un ingrediente nuovo, perlopiù sconosciuto: la risurrezione. Davanti al freno a mano tirato da Marta, il Signore si manifesta in tutto il suo splendore divino: “Io sono la risurrezione e la vita”.

La risurrezione non è (solo) un corpo che era morto e che torna in vita: la risurrezione è una persona, Gesù Cristo Figlio di Dio, e chiunque lo incontra può fare esperienza di vita che ritorna, di tenebre che vengono infrante dalla luce, di speranza che sbarra il passo all’angoscia. Questa promessa di Gesù è al futuro, ma è un futuro prossimo, vicino, un futuro che a breve gusterai, quando la morte se ne andrà dalla tua vita e tu vivrai la luce della Pasqua.

➡ Gesù scoppiò in pianto 😭

Ma come Gesù, hai annunciato che il tuo amico Lazzaro risorgerà e ora scoppi in un pianto dirotto? Eh sì, anche qui la nostra idea di Dio si scontra con la verità di Dio, il quale non fa finta di soffrire, tanto poi risorge, non fa finta di incarnarsi, tanto poi ascende al cielo, non fa finta di essermi vicino, tanto poi Lui è Dio e io no. Gesù è uomo, in tutto e per tutto, ce lo vogliamo ficcare in testa? L’umanità di Gesù è la mia umanità, fatta di alti e bassi, di paure e di gioie, di angosce e tormenti, di amore e di morte.

Gesù che piange è l’immagine da ricordare quando qualcuno ti propone una fede da pronto intervento, quella fede in cui tu credi e Dio in cinque minuti risolve tutto e ti tira fuori da tutti i problemi: non è Gesù Cristo, non è vangelo, non è fede! I singhiozzi di Gesù squarcino il tuo cuore, scuotano il tuo torpore, risveglino ogni tua cellula, e dopo aver pianto ogni lacrima, tu possa ascoltare ciò che hanno udito le donne il mattino di Pasqua: “Non è qui. È risorto” (Mt 28,6).

➡ Se crederai, vedrai la gloria di Dio 🛐

Dopo la malattia, l’amore, la morte, l’incontro, la promessa di resurrezione, le lacrime, ecco ora l’ultimo segnale stradale. Attenzione: non è il traguardo, con tante persone che ti accolgono applaudendo, ma è un SE. Se crederai vedrai, e vedrai Dio stesso, Gesù si muove verso Marta e Maria per suscitare in loro la fede, la fiducia, l’affidamento. Gesù piange l’amico Lazzaro per riportarlo in vita. Questo SE è un invito che Dio ti porge in questo tempo così difficile e doloroso. Fede significa relazione con Dio, significa radicare tutto te stesso in Lui, certo che non ti lascia a piedi, se ai suoi piedi hai il coraggio di stare. Vedrai la sua gloria, cioè Dio stesso, non una sua controfigura, ma quel Dio di cui hai una sete estrema: il Maestro è qui e ti chiama. Vai.

A cura di Luca Rubin

Sito Web

Sono maestro elementare, professione che cerco di vivere in pienezza, non come lavoro ma come vocazione e missione.
In parrocchia sono catechista, referente per i ministranti e accolito: in una parola, cerco di dare una mano! Mi piace molto leggere e scrivere, ascoltare musica classica, country e latina, stare in compagnia di amici. […]


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.