Il Vangelo del Giorno, 6 Agosto 2017 – Mt 17,1-9

97

Il testo ed il commento al Vangelo di oggi,
6 Agosto 2017 – Mt 17,1-9

XVIII Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

Trasfigurazione del Signore

  • Colore liturgico: Bianco
  • Periodo: Domenica
  • Il Santo di oggi: B. Maria Francesca
  • Il Signore regna, il Dio di tutta la terra.
  • Letture del giorno: Dn 7,9-10.13-14; Sal. 96; 2Pt 1,16-19; Mt 17,1-9
  • Calendario Liturgico di Agosto

Mt 17,1-9 (Anno A)
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui.
Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo».
All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.
Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Commento al Vangelo del giorno – Mt 17,1-9

A cura dei Monaci Benedettini

Li portò sopra un monte alto…

Una domenica ma speciale oggi, celebriamo la festa della Trasfigurazione del Signore. C’è un punto fondamentale un punto che la caratterizza in modo particolare, univoco: la Teofanìa. Che cosa significa questa parola? Teofania è la manifestazione, manifestazione di Dio, ma una manifestazione solenne, grande… Nell’Antico Testamento abbiamo molti esempi, molti casi delle manifestazioni di Dio. E segno della presenza di Dio era la nube, la nube che sia alzava sopra la tenda.

Ma tutte queste manifestazioni veterotestamentarie erano solo un anticipo, una preparazione alla manifestazione definitiva, alla manifestazione massima, la manifestazione della redenzione, della venuta del Signore Gesù Cristo, nato, vissuto tra noi, morto e risuscitato; Gesù Uomo – Dio. Noi però aspettiamo un’altra manifestazione ancora, l’ultima manifestazione di Gesù, quella della fine dei tempi. Quando ritornerà il Signore con le schiere degli angeli, quando dividerà i buoni dai cattivi. La manifestazione dunque… la teofania sul Monte, la conferma da parte di Dio Padre, della missione del Cristo sul mondo… «Questi è il mio figlio prediletto, ascoltatelo» è il massimo della Teofania. Dio, in presenza dei profeti antichi Mosé ed Elia, profeti che hanno preparato la venuta del Messia; in presenza dei discepoli, degli Apostoli, dei testimoni prescelti, proclama Cristo suo Figlio, anzi, Figlio prediletto, in cui egli si compiace…

[ads2]Nel brano di oggi c’è però un’altra parola che non vorrei ci sfuggisse. Questo è il Figlio prediletto, dice, ma dice anche: «Ascoltatelo». Il Padre ci dà un ordine preciso, l’ordine di ascoltare il messaggio del Figlio, di ascoltare Gesù. Anche la Madonna santissima alle nozze di Cana, lei che «ascoltava, meditava e portava le parole di Dio nel proprio cuore, dice: ascoltatelo, «fate quello che vi dirà». Che significa dunque ascoltare Gesù? Ascoltare… non sentire…! Ascoltare è compiere i suoi comandamenti e particolarmente il primo dei comandamenti, quello dell’Amore. Ascoltare il Signore è comportarsi come egli si è comportato, come lui è vissuto sulla terra. E lui ha trascorso tutta la sua vita facendo la volontà di Dio, facendo del bene a tutti, aiutando i bisognosi, sanando i malati, predicando la Buona Novella del Regno di Dio.

La celebrazione dell’Eucaristia è la manifestazione, la nostra teofania di Dio. Oggi non l’accompagnano né terremoti, né nubi o saette. Qui però abbiamo tra noi, nelle nostre mani Dio stesso, Dio che si lascia pregare, sentire, toccare, gustare, perfino mangiare… Dio che mangiato nel pane inizia in noi l’opera sua, inizia in noi la nostra trasfigurazione, per la vita eterna.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.