Fraternità Gesù Risorto – Commento al Vangelo di domenica 19 Giugno 2022

63

- Pubblicità -

Iª lettura Gn 14,18-20 
dal Salmo 109
IIª lettura 1 Cor 11,23-26 
Vangelo Lc 9, 11-17

Per nutrire la nostra vita di credenti in Gesù Cristo il Padre ci ha dato un nutrimento. Senza di esso la nostra fede si ammala, la carità si affievolisce, la speranza comincia a dubitare, la comunione con i fratelli si spegne. Questo nutrimento è vero cibo pur non essendo solo cibo. Il pane spezzato durante ogni celebrazione eucaristica il nutrimento che alimenta in noi realtà spirituali perenni. Per accoglierlo ci è necessaria una grande umiltà, quella che piace a Dio e agli uomini. Noi continuiamo ad aver fede in Dio, non nel suo pane: la fede in lui ci porta ad essere sicuri che quel pane che lui ci dà è il sostegno della nostra vita, della nostra unità con gli altri uomini, del cammino verso l’eternità. Questo pane è tanto prezioso, che Dio stesso da tanto pensava di donarcelo: ci pensava già quando ha chiamato Abramo ad iniziare quel cammino di fede che doveva avvicinare a lui prima il popolo ebraico e poi tutti i popoli. Ad Abramo venne incontro un sacerdote di Dio, un sacerdote misterioso, mai più incontrato, che per lui presentò al Dio altissimo un sacrificio misterioso: pane e vino! Tutti erano abituati ad offrire a Dio sacrifici cruenti di animali, egli invece offrì pane e vino, i frutti della fatica dell’uomo, il sostegno della sua vita e della sua gioia.

- Pubblicità -

Questo fatto, raccontato dal primo libro della Scrittura sacra, si è scolpito nella memoria di tutti i credenti. A Dio presentiamo il pane e il vino, cosicché egli possa donare a noi pane e vino. Quel pane e quel vino, offerti da Melchisedek per la benedizione di Abramo, Dio li ha custoditi presso di sè fino al momento in cui il suo Figlio si è offerto in sacrificio. Allora, proprio per le mani del Figlio quelle offerte sono state ridonate a noi. Esse sono il dono di Dio divenuto il Corpo dato e il Sangue versato: questi sono i doni che ci danno vita e gioia, questi sono il pane e il vino di cui abbiamo bisogno e che possono trasformare la nostra vita di uomini peccatori in vita di figli amati e santificati!

Questo mistero è grande e impossibile da comprendere per la nostra mente oscurata dall’egoismo. Gesù ha compiuto un segno per aiutarci a desiderare il pane dalle sue mani e a comprenderne il significato per continuare poi, nella Chiesa, ad offrirlo agli uomini. Non tutti lo possono mangiare, ma soltanto quelle persone che stanno con lui fino ad ora tarda, che cioè restano con lui nonostante le sollecitazioni e le tentazioni di allontanarsi dalla sua presenza. E lo possono mangiare solo quelli che se lo lasciano donare dalle mani degli apostoli di Gesù, discepoli ancora poveri di fede e sempre ricchi di peccati. Essi hanno ancor oggi una cesta ciascuno di quei pezzi che sono avanzati: se noi oggi vogliamo il pane di Gesù dobbiamo avvicinarci e tendere le mani a loro.

Oggi diciamo il nostro grazie a Dio per questo pane, e lo diciamo in modo particolarmente significativo: usciamo sulla strada tenendolo in mezzo a noi, quasi a far vedere al mondo il nostro segreto, il segreto della nostra unità, della forza del nostro amore reciproco e della nostra attenzione ai piccoli e ai sofferenti. Noi riceviamo energia e motivazione per ogni fatica e fedeltà da quel pane, che mangiamo e che non si esaurisce mai, perché viene dalla Parola pronunciata da Gesù con la bocca dei suoi servi, i sacerdoti.

Benedetto sei tu, Signore Dio nostro, per il pane e per il vino che portano in noi la vita del Figlio tuo Gesù! Benedetto sei tu che con quel pane ci nutri e ci tieni uniti a te e tra noi!

- Pubblicità -


Sito Web

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2022
Articolo successivodon Mauro Pozzi – Commento al Vangelo di domenica 19 Giugno 2022