Fraternità Gesù Risorto – Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2020

436

In ogni nostra celebrazione avviene quello che l’evangelista Matteo dice quando inizia a raccontare l’apparire in pubblico di Gesù: “Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce”. Dalla tenebra, in cui ogni nostro peccato ci chiude, alziamo lo sguardo, perché il chiedere e ricevere il perdono ci apre orizzonti nuovi.

L’evangelista prende queste parole dal profeta Isaia: sono parole che abbiamo sentito nella prima lettura, nella quale egli ci assicura pure che le umiliazioni provenienti dal Signore saranno ricompensate con una gioia immensa: i villaggi della Galilea hanno subito grandi sofferenze, ma proprio essi saranno testimoni della luce nuova che viene dal Messia, dal Salvatore di tutti gli uomini! Le parole del profeta ci danno consolazione proprio nel mentre siamo anche noi sofferenti, mentre portiamo la nostra croce per l’obbedienza a Dio nel nostro dovere quotidiano e nella fedeltà alla missione ricevuta nella famiglia, nella Chiesa e nella società.

Oggi Gesù, dato che è presente nel mondo, invitandoci alla conversione, ci fa capire che la sua presenza non ci lascia come siamo. Incontrare Gesù vuol dire lasciarci interpellare da lui, e lui ci chiama su strade nuove, a compiti nuovi, ad essere segno e dono anche per altri. La chiamata dei due fratelli Simone e Andrea è una chiamata particolare, come quella di Giacomo e di suo fratello Giovanni. Gesù sta per gettare le basi del suo nuovo edificio, del suo nuovo popolo. In esso dovrà essere vissuta la fraternità. Tutti nel suo regno dovranno essere fratelli: i primi chiamati conoscono già la vita fraterna ed in essa accoglieranno tutti gli altri, che Gesù chiamerà; li accoglieranno nel calore e nella fiducia caratteristici del vivere fraterno.

La loro chiamata è anche un segno, un esempio di come dovrà avvenire il nostro incontro con il Signore: egli, incontrando una persona, non si limita a salutarla, ma la invita a donarsi. Questo è bello: Gesù sa che la pienezza della vita viene raggiunta quando facciamo di essa un dono, poiché questa è la caratteristica della “vita” di Dio! Fare della propria vita un dono, manifestando in tal modo la nostra somiglianza a Dio Padre, comporta abbandonare la nostra abitudine di pensare a noi stessi, a soddisfare i nostri desideri, a badare alle necessità che riteniamo importanti! Pietro, Andrea, Giacomo e Giovanni abbandonano il lavoro, la barca e le reti, e lasciano pure il padre: queste realtà e persone rappresentano il loro passato, le loro abitudini, le tradizioni, i loro affetti e le loro sicurezze umane. Chi le abbandona per seguire Gesù diventa una persona nuova, capace di accogliere la ricchezza di una vita nuova.

Lasciare il nostro passato con i suoi condizionamenti è necessario, altrimenti lo stare con Gesù non porta nessuna novità, diventa illusione e, in seguito, delusione. Chi impara a lasciare qualcosa per amore di Gesù riuscirà a fare quei passi che oggi San Paolo sollecita. Nelle sue comunità cristiane esistevano divisioni e discordie perché qualcuno aderiva al Signore senza aver rinunciato a qualcosa del proprio passato, senza aver rinunciato a se stesso e, soprattutto, senza aver rinunciato a voler essere importante e considerato dagli uomini.

La vita della Chiesa diventa scandalo per le persone che si avvicinano alla fede, se i cristiani che vivono in essa non mettono Gesù al di sopra di tutto, a costo di dire di no a se stessi, o, come dice Gesù a costo di “rinnegare se stessi”, di rinunciare a ciò che piace, a ciò cui ci si sente portati maggiormente. La croce, con la sua sofferenza, non può mancare nella vita del vero credente! Essa è il clima normale di ogni conversione autentica, segno di autenticità di ogni seguace di Cristo Gesù!

Terremo nel cuore, d’ora in poi, il desiderio di muovere dei passi concreti nel seguire il Signore, che posa il suo sguardo anche su ciascuno di noi! In tal modo rendiamo concreta ed efficace la preghiera per l’unità di tutte le Chiese, preghiera che abbiamo presentato a Dio nei giorni scorsi.


Letture della Domenica
III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO A
Colore liturgico: VERDE

Prima Lettura

Nella Galilea delle genti, il popolo vide una grande luce.Dal libro del profeta Isaìa

Is 8,23b – 9,3

In passato il Signore umiliò la terra di Zàbulon e la terra di Nèftali, ma in futuro renderà gloriosa la via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti.
Il popolo che camminava nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse.
Hai moltiplicato la gioia,
hai aumentato la letizia.
Gioiscono davanti a te
come si gioisce quando si miete
e come si esulta quando si divide la preda.
Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva,
la sbarra sulle sue spalle,
e il bastone del suo aguzzino,
come nel giorno di Mádian.

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Sal 26 (27)

R. Il Signore è mia luce e mia salvezza.

Il Signore è mia luce e mia salvezza:
di chi avrò timore?
Il Signore è difesa della mia vita:
di chi avrò paura? R.

Una cosa ho chiesto al Signore,
questa sola io cerco:
abitare nella casa del Signore
tutti i giorni della mia vita,
per contemplare la bellezza del Signore
e ammirare il suo santuario. R.

Sono certo di contemplare la bontà del Signore
nella terra dei viventi.
Spera nel Signore, sii forte,
si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore. R.

Seconda Lettura

Siate tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

1 Cor 1,10-13.17

Vi esorto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire.

Infatti a vostro riguardo, fratelli, mi è stato segnalato dai familiari di Cloe che tra voi vi sono discordie. Mi riferisco al fatto che ciascuno di voi dice: «Io sono di Paolo», «Io invece sono di Apollo», «Io invece di Cefa», «E io di Cristo».

È forse diviso il Cristo? Paolo è stato forse crocifisso per voi? O siete stati battezzati nel nome di Paolo?

Cristo infatti non mi ha mandato a battezzare, ma ad annunciare il Vangelo, non con sapienza di parola, perché non venga resa vana la croce di Cristo.

Parola di Dio

Vangelo

Venne a Cafarnao perchè si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 4, 12-23

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

Parola del Signore.

Forma breve:

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 4,12-17

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.