Fraternità Gesù Risorto – Commento al Vangelo del 22 Dicembre

257

Per chi si è preparato, l’Eucaristia è più bella, e sarà certamente più fruttuosa, e la sua partecipazione un dono migliore ai fratelli.

Dio stesso ha voluto che il suo popolo sia preparato ad accogliere sia la sua Parola pronunciata in maniera comprensibile dal Figlio, che i suoi mirabili prodigi di salvezza: ha preannunciato molto tempo prima gli eventi. Oggi leggiamo nel libro del profeta Isaia le parole che vari secoli dopo Maria si è sentita rivolgere dall’angelo. Ella conosceva quelle parole grazie alla meditazione delle Scritture: era così preparata ad udirle come parole rivolte a lei, parole che la riguardavano in prima persona. E anche Giuseppe, come narra il vangelo di Matteo, ha udito parole simili nel sogno, parole già conosciute, che proprio per questo gli hanno dato sicurezza e pace nel prendere Maria come sposa.

L’importanza della Parola di Dio è uno dei temi che guidano la riflessione di questa domenica: la Parola di Dio è importante perché si compie, perché diventa carne entrando nella storia degli uomini. La Parola rivolta da Isaia al re Acaz, dopo cinque secoli circa coinvolge completamente la vergine Maria, che si trova ad essere davvero incinta. Ella non ha fatto nulla, ma Dio stesso ha agito attraverso il suo Spirito, che è Santo, che cioè non è condizionato dall’uomo che col suo peccato inquina sempre tutto ciò che fa. Lo Spirito Santo ha realizzato la Parola di Dio, e Maria diventa madre.

L’uomo deve lasciarsi coinvolgere pienamente dalla Parola: e infatti Giuseppe darà il nome al Figlio di Maria, il nome profetico che traduce l’”Emmanuele”, il “Diocon-noi” di Isaia. Se Dio è con noi, noi siamo salvi, siamo al sicuro per sempre, siamo liberi da ogni condizionamento del male. Dio diventa nostro alleato! E un alleato così garantisce salvezza. Questo nome è quindi “Gesù”, “Dio salva”, “Dio è salvatore”!

Giuseppe darà il nome al Figlio di Dio, e così si comprometterà del tutto con lui. Gli uomini potranno biasimarlo, deriderlo, ostacolarlo: egli sa d’essere collaboratore di Dio nel realizzare la sua Parola. Gli uomini per lo più riescono solo a rifiutare la Parola di Dio, come anche il re Acaz, che ne poteva avere solo vantaggio. Gli uomini infatti si ritengono sempre superiori… superiori persino a Dio che parla loro con amore: non avranno quindi mai buona predisposizione verso coloro che “fanno” la Parola del Signore! Giuseppe ha sofferto, ma ha partecipato all’obbedienza di Maria ed è diventato quindi un uomo prezioso per i disegni di Dio.

Tra pochi giorni celebreremo la nascita di Gesù: saremo riconoscenti a Dio Padre, ma diremo pure il nostro grazie a Maria per essersi resa disponibile a portarlo in sé, lo diremo a Giuseppe per essersi fatto collaboratore di Dio nell’obbedienza umile e nascosta; diremo il nostro grazie anche a coloro che hanno fatto giungere al nostro cuore l’annuncio di questo Mistero. Con la loro obbedienza essi ci hanno fatto gustare il sapore della “salvezza di Dio”, ci hanno fatto sperimentare la sua presenza accanto a noi, e ci rendono coscienti di una responsabilità che ora tocca a noi portare! Noi possiamo ripetere il sì di Maria, il sì di Giuseppe, e il sì di ogni apostolo e discepolo, perché la Parola di Dio, impregnata del suo amore, continui a diventare “carne” per raggiungere ogni uomo nel suo ambiente e nella sua storia.

San Paolo gode di vivere fino in fondo questa responsabilità. Egli trasmette anche a noi l’ansia gioiosa di pronunciare un “sì” pronto e generoso al Padre, perché il Figlio venga alla luce in orizzonti nuovi, perché Gesù dia a molte altre persone la certezza di essere salve, amate e accolte dal Padre di tutti!


Letture della
IV DOMENICA DI AVVENTO – ANNO A
Colore liturgico: VIOLA

Prima Lettura

Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio.Dal libro del profeta Isaìa

Is 7, 10-14 

In quei giorni, il Signore parlò ancora ad Àcaz: «Chiedi per te un segno dal Signore, tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure dall’alto».

Ma Àcaz rispose: «Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore».

Allora Isaìa disse: «Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta stancare gli uomini, perché ora vogliate stancare anche il mio Dio? Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele».

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 23 (24)

R. Ecco, viene il Signore, re della gloria.

Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito. R.

Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli. R.

Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe. R.

Seconda Lettura

Gesù Cristo, dal seme di Davide, Figlio di Dio.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
Rm 1, 1-7

Paolo, servo di Cristo Gesù, apostolo per chiamata, scelto per annunciare il vangelo di Dio – che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture e che riguarda il Figlio suo, nato dal seme di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza, secondo lo Spirito di santità, in virtù della risurrezione dei morti, Gesù Cristo nostro Signore; per mezzo di lui abbiamo ricevuto la grazia di essere apostoli, per suscitare l’obbedienza della fede in tutte le genti, a gloria del suo nome, e tra queste siete anche voi, chiamati da Gesù Cristo –, a tutti quelli che sono a Roma, amati da Dio e santi per chiamata, grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo!

Parola di Dio

Vangelo

Gesù nascerà da Maria, sposa di Giuseppe, della stirpe di Davide.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 1, 18-24 

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.

Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.