Fraternità Gesù Risorto – Commento al Vangelo del 18 Agosto 2019

50

“Perché non giudicate da voi stessi ciò che è giusto?”. Con queste parole Gesù termina un discorso, impegnativo e forse anche doloroso per le folle che l’ascoltano.

Egli sa che tutti i suoi uditori hanno dei criteri di valutazione delle cose, ma li usano solo per quelle materiali. Tutti infatti, per es., osservando il tempo atmosferico sanno discernere, dalla direzione del vento o dalla temperatura, se farà bello o se farà brutto. Nessuno invece vuol usare discernimento per valutare i fatti e trarne conclusioni. Nessuno vuole dire: dato che Gesù libera gli oppressi, fa sì che i ciechi vedano, annuncia la gioia ai poveri, significa che è lui il Messia promesso, l’Inviato di Dio! Nessuno osa dirlo: tutti aspettano che si pronuncino i capi o gli scribi, oppure le persone più religiose, come i farisei. Tutti hanno timore a trarre le conseguenze da sè. Le conseguenze di un sano discernimento infatti, quando ci saranno, creeranno divisione anche tra le persone più care, qualcuno si farà persecutore, in qualche caso si potrà persino rischiare la morte. Morirà per primo lui stesso, Gesù! Egli attende questo momento, e lo attende non come una disgrazia, ma come un battesimo, cioè un nuovo inizio, un passaggio ad una nuova vita per se stesso e ad una nuova situazione per tutto il mondo. Egli sa che la sua passione e morte darà l’avvio ad un movimento paragonabile al fuoco che divampa in una foresta! Tutto cambierà! Un fuoco è purificazione, è preparare il posto a cose nuove, ed è luce che illumina la notte.

Gesù attende con grande desiderio che divampi questo fuoco, fuoco che egli stesso ha portato. È il Vangelo, la vita nuova nello Spirito, la vita gioiosa di chi sa d’essere amato dal Padre: questa novità susciterà invidia, gelosia, rabbia. Molti si riveleranno lupi capaci di avventarsi contro coloro che vivono questa vita gioiosa seguendo l’Agnello e vivendo come agnelli!

Questa situazione non è nuova: già Geremia e molti profeti l’hanno attraversata. La prima lettura ci presenta il momento in cui è stato perseguitato il profeta Geremia. Egli ha sperato nel Signore, come canta il salmo: ”Ho sperato: ho sperato nel Signore ed egli su di me si è chinato… Mi ha tratto dalla fossa della morte, … ha reso sicuri i miei passi”. Proprio Gesù può pregare così, perchè è stato liberato dalla morte, in modo sorprendente: egli è stato liberato dopo esservi entrato, dopo averla vissuta. Egli è più grande dei profeti, il suo battesimo è completo: è entrato ed uscito dalle acque di morte con la risurrezione, senza bisogno di uomini che lo potessero liberare, come invece avvenne per Geremia! Egli è davanti al nostro sguardo sulla croce e seduto alla destra del trono di Dio! Noi teniamo lo sguardo fisso su di lui, pensiamo a lui, alle varie fasi della sua vicenda vissuta tra i peccatori. In questo modo siamo continuamente rafforzati e preparati ad affrontare la nostra lotta contro il peccato e la fatica a vivere in mezzo alle ostilità che la nostra fede incontra. L’autore della lettera agli Ebrei ci esorta a “correre” senza indugi in quella fede che è opera di Gesù, e che egli ha perfezionato in noi, ed è stata vissuta, fino a versare il sangue, da un gran numero di testimoni.

Con l’esempio di questi anche noi potremo davvero, senza paura e senza esitazione, giudicare da noi stessi ciò che è giusto.

 

È giusto che sii tu, Gesù, a guidare la nostra vita. Tu ti sei offerto per noi alla morte, non ti sei vergognato di chiamarci fratelli nonostante i nostri peccati, hai portato una pace contraddetta sulla terra. Io mi offro a te: se incontrerò la croce, so che ci sei anche tu a portarla, e non temerò! Potrò dirti: “Io sono povero e infelice, ma di me ha cura il Signore!”.

1ª lettura Ger 38,4-6.8-10 * dal Salmo 39 * 2ª lettura Eb 12,1-4 * Vangelo Lc 12,49-53

A cura della Casa di Preghiera S.Maria Assunta – Tavodo  -Via della Pieve, 3 – 38078 SAN LORENZO DORSINO – TN

Letture della
XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C

Prima Lettura

Mi hai partorito uomo di contesa per tutto il paese.

Dal libro del profeta Geremìa
Ger 38,4-6.8-10

In quei giorni, i capi dissero al re: «Si metta a morte Geremìa, appunto perché egli scoraggia i guerrieri che sono rimasti in questa città e scoraggia tutto il popolo dicendo loro simili parole, poiché quest’uomo non cerca il benessere del popolo, ma il male». Il re Sedecìa rispose: «Ecco, egli è nelle vostre mani; il re infatti non ha poteri contro di voi».
 
Essi allora presero Geremìa e lo gettarono nella cisterna di Malchìa, un figlio del re, la quale si trovava nell’atrio della prigione. Calarono Geremìa con corde. Nella cisterna non c’era acqua ma fango, e così Geremìa affondò nel fango.
 
Ebed-Mèlec uscì dalla reggia e disse al re: «O re, mio signore, quegli uomini hanno agito male facendo quanto hanno fatto al profeta Geremìa, gettandolo nella cisterna. Egli morirà di fame là dentro, perché non c’è più pane nella città». Allora il re diede quest’ordine a Ebed-Mèlec, l’Etiope: «Prendi con te tre uomini di qui e tira su il profeta Geremìa dalla cisterna prima che muoia».

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Salmo 39 (40)

R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Ho sperato, ho sperato nel Signore,
ed egli su di me si è chinato,
ha dato ascolto al mio grido. R.
 
Mi ha tratto da un pozzo di acque tumultuose,
dal fango della palude;
ha stabilito i miei piedi sulla roccia,
ha reso sicuri i miei passi. R.
 
Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo,
una lode al nostro Dio.
Molti vedranno e avranno timore
e confideranno nel Signore. R.
 
Ma io sono povero e bisognoso:
di me ha cura il Signore.
Tu sei mio aiuto e mio liberatore:
mio Dio, non tardare. R.

Seconda Lettura

Corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti.

Dalla lettera agli Ebrei
Eb 12,1-4


Fratelli, anche noi, circondati da tale moltitudine di testimoni, avendo deposto tutto ciò che è di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti, tenendo fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà origine alla fede e la porta a compimento.
 
Egli, di fronte alla gioia che gli era posta dinanzi, si sottopose alla croce, disprezzando il disonore, e siede alla destra del trono di Dio.
 
Pensate attentamente a colui che ha sopportato contro di sé una così grande ostilità dei peccatori, perché non vi stanchiate perdendovi d’animo. Non avete ancora resistito fino al sangue nella lotta contro il peccato.

Parola di Dio

Vangelo

Non sono venuto a portare pace sulla terra, ma divisione.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12, 49-53

 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
 
«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
 
Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.