don Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2020

113

Rinnegare l’uomo vecchio non è facile, il peccato affonda i suoi tentacoli nel profondo del nostro cuore, ma Gesù ci chiama alla battaglia. Una battaglia seria e serena, Lui è con noi. Più di quanto possiamo immaginare o osiamo sperare.
Siamo al capitolo diciottesimo di Matteo, quello che racchiude il discorso sulla comunità. Tra queste righe, Gesù ci consegna delle indicazioni preziose per costruire una comunità che nel mondo sia il segno luminoso dell’amore.
Il tema è scottante e sempre attuale: la correzione fraterna.

Lo stile di fraternità che propone Gesù è stupendo: delicatezza, discrezione, pazienza e gradualità.
Onestamente: quanto siamo lontani da questo, quanto ancora ci dobbiamo nutrire della Parola per costruire delle comunità dove ci si aiuta a crescere e non a deprimersi davanti agli errori; dove ci si dá una mano a migliorare e non si punta il dito contro chi ha sbagliato; dove si impara a parlare con amore e non solo a sparlare con malignità e presunzione.

Di questo insegnamento di Gesù mi colpisce soprattutto la delicatezza. Se accendo un faro alle spalle di un fratello che voglio correggere, non farò altro che proiettargli delle ombre distorte; se glielo punto negl’occhi finirò per accecarlo. Se voglio veramente aiutarlo a capire il suo errore, forse conviene accendere una candela e rimanere al suo fianco, e nella penombra che nasconde le lacrime, aiutare il fratello con carità a riconoscere i suoi errori.

Gesù sogna una comunità di fratelli e sorelle che intrecciano rapporti autentici, appassionati e fondati sul Vangelo. Non basta condividere qualche ideale o vivere nello stesso quartiere per ritenersi una comunità del Risorto!

Gesù dice che dove due o tre sono riuniti nel suo nome Lui è in mezzo a loro (v.20). Vi devo confessare che questo versetto mi ha sempre affascinato moltissimo, perché è una promessa per tutti! Gesù, infatti, non dice “dove due o tre santi…” o “dove due o tre perfetti”. La Sua presenza è offerta a tutti, non è questione di numero o di merito. L’unica condizione è essere riuniti nel Suo nome.

Coraggio, cari amici! Aiutiamoci a camminare in compagnia del Risorto, sosteniamoci nelle fragilità e nelle cadute, teniamo vivo in noi il sogno di Gesù!

Un abbraccio
Uniti nella preghiera
Don Roberto

Se nel mese di agosto vuoi leggere qualcosa per nutrire lo spirito, mi permetto di consigliarti il mio libro: “A mani vuote, l’alfabeto della preghiera”, edito con Ancora. È un libro piccino, da leggere e da sperimentare. È disponibile anche in formato e-book.


Don Roberto (prete missionario della Diocesi di Como) – Sito Web

Fonte: il canale Telegram “Sulla Tua Parola“.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno