don Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 27 Giugno 2021

88

TOCCÒ IL SUO MANTELLO

Marco 5,21-43
Tredicesima domenica del tempo ordinario

Il tema attorno al quale ruota questo duplice incontro è la fede. La fede della donna che, sfidando le proibizioni al contatto dovute alla sua impurità rituale, tocca il lembo del mantello del maestro e si scopre guarita e salvata. La fede di Giairo che si getta ai piedi di Gesù per implorare la guarigione di sua figlia e continua ad avere fede nella Parola del Maestro nonostante gli venga comunicato che la ragazza è morta.

Nonostante l’evidenza dei fatti giocasse completamente a loro sfavore, entrambi si affidano alla Parola del maestro.
In questi anni di missione nelle periferie della megalopoli limegna, tra la povertá e le ingiustizie di un sistema corrotto, ho incontrato tante donne come quella del Vangelo. Donne con una fede granitica e semplice, donne che non sanno né leggere né scrivere e che hanno avuto l’audacia di sfiorare il lembo del mantello di Cristo ed ora sono rivestite della sua grazia. È proprio vero che lo Spirito soffia dove vuole e a volte si beffa allegramente dei nostri progetti e delle nostre pesanti strutture pastorali.

Forse dovremmo imparare a metterci in ginocchio e allungare la mano per provare a sfiorare il lembo del mantello di Gesú. Forse dovremmo provare a metterci in cammino sulla Parola del maestro e, come Giairo, scopriremo che il Signore compie le sue promesse e che dona molto di piú di ció che osiamo chiedere e sperare.

Un abbraccio,
don Roberto


Don Roberto (prete missionario della Diocesi di Como) – Sito Web Fonte: il canale Telegram “Sulla Tua Parola“.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentep. Maurizio de Sanctis – Commento al Vangelo del 27 Giugno 2021
Articolo successivodon Lucio D’Abbraccio – Commenti al Vangelo del 27 Giugno 2021